Comitato Territoriale

Verona

CORSO PRIMO SOCCORSO SPORTIVO

Premessa: Trattasi di un corso finalizzato al formare personale non sanitario riguardo le complicanze di tipo traumatico metabolico in cui può incorrere l’atleta nello svolgere la normale attività sportiva agonistica e dilettantistica. E sul come trattare tale complicanze nel miglior modo in loco, quando possibile senza ricorrere al sistema sanitario, per garantire al soggetto colpito tempi di ripresa rapidi e poca perdita funzionale durante la convalescenza.

Destinatari: Operatori sportivi presenti in campo gara, atleti, personale facente parte di associazioni di soccorso volontario.
Obiettivi del corso: Fornire competenze specifiche agli operatori sportivi presenti in campo gara, in base ai rischi specifici dello sport praticato in modo da prepararli ad affrontare ogni tipo di emergenza, traumatica e non. Riconoscere e valutare il rischio peculiare correlato ai vari sport. Il corso di formazione è stato progettato nel rispetto delle nuove linee guida dell’American Heart Association (AHA) e dell’European Resuscitation Council (ERC) in accordo con quanto promulgato da enti nazionali riferimento nel campo sportivo come Coni.

Durata: 8 ore

Certificazione: rilascio certificazione regionale primo soccorso con validità 2 anni
Docenti titolari e sostituti: istruttori certificati afferenti al Centro formazione: 21 Emerform

PROGRAMMA

08.00 – 08.45: Introduzione al corso, Norme di sicurezza e correlativi comportamenti

08.45 – 09.00: Prevenzione nella disposizione ed organizzazione dell’impianto sportivo

09.00 – 10.30: MOGESS: Modello Organizzativo per la Gestione delle Emergenze Sanitarie nello Sport

° Quando e come allertare il sistema di soccorso :

a. Cause e circostanze dell’infortunio (luogo dell’infortunio, numero delle persone coinvolte, stato degli infortuni)

b. Comunicare le predette informazioni in maniera chiara e precisa ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza

10.30 – 10.40: Pausa Caffè

10.40 – 11.40: Conoscere i rischi specifici dell'attività sportiva svolta ed acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente sportivo: 

a. cenni di anatomia dello scheletro;
b. lussazioni, fratture e traumi minori;
c. traumi e lesioni cranio-encefalici e della colonna vertebrale;
d. traumi e lesioni toraco-addominali;

11.40 – 12.30: Nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell'apparato cardiovascolare e respiratorio.

- Scena dell’infortunio:
a. Raccolta delle informazioni.
b. Previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili.

12.30 – 13.30: Pausa Pranzo.

13.30 – 14.30: Riconoscimento e limiti di intervento di primo soccorso:

a. lipotimia, sincope, shock;
b. crisi asmatica;
c. dolore acuto stenocardico;
d. reazioni allergiche;
e. crisi convulsive;
f. emorragie esterne post-traumatiche

14.30-17.00: Acquisire capacità di intervento pratico

1. Prove pratiche di traumatologia:
   a. Tecniche di immobilizzazione
   b. Pick-up
   c. Steccobende
   d. Fasciature
   e. Immobilizzazione e trattamento fratture lievi, gravi, composte, scomposte.
   f. Traumi spinali e immobilizzazioni
   g. Crisi respiratorie allergiche e come trattarle
   h. Strappi e contusioni lievi.

17.00 – 17.30: Test Finale e Chiusura dei lavori

Le date del corso verranno comunicate a breve.

 

 

 

 

 

CENTRI ESTIVI UISP 2019

GINNASTICA ARTISTICA

5x1000