Struttura di Attività Nazionale

Sport d'Acquaviva

...

Martedì 21 febbraio presso la sede del Canoa Fluviale Martesana, una serata dedicata all’Harnessing e schemi motori, tenuta dal formatore UISP-Sport d’Acquaviva Nunzio Mortelliti.

...

Si è svolto sul campo slalom di Vobarno sul fiume Chiese, il primo aggiornamento tecnici educatori UISP Sport d'Acquaviva del 2017.

...

Si è tenuta 18/01/17 presso la sede del CFM (Canoa Fluviale Martesana) l’evento tanto atteso: "GESTIONE DEL RISCHIO".

...

Raduno itinerante di sport d'Acquaviva. I fiumi dei Briganti. IV Memorial Antonio Stellavato.

Per mare in kayak

13 ottobre 2016

Vivifiume - Milano--Venezia

4 ottobre 2016

Rafting sull'Ombrone

30 gennaio 2016

Sul calendario trovate i corsi e gli aggiornamenti tenuti dai centri formazione. I raduni Nazionali UISP - Sport d'Acquaviva. I raduni o eventi delle associazioni iscritte alla UISP - Sport d'Acquaviva.

Calendario Nazione UISP- Sport d'Acquaviva

 

DOMANDE E RISPOSTE

Risposte alla domande più frequenti

Perché pagaiare in Acquaviva-UISP è diverso?

Perché l'Acquaviva-UISP pone al centro delle proprie attività il tema dell'identità e dell’appartenenza alla UISP: tema che si declina nei cento modi e cento tempi diversi che caratterizzano i club, le associazioni e i singoli soci sul territorio ma che, sempre e ovunque, si concretizza nell’inclusione (disabilità, immigrazione, disagio sociale, ecc.), nella partecipazione attiva e nell’attenzione all’ambiente.
Perché non è riconducibile al primato dell’etica del risultato, propria dello sport di prestazione assoluta, ma è, invece, riconducibile alla tutela della salute, all'attenzione alla qualità della vita di ciascuno, al primato dell'educazione e della socialità.
Perché non è il fine ma il mezzo per la ricerca della felicità propria e di tutti a cominciare dai più deboli:

  • disabili fisici e sociali
  • immigrati
  • poveri.

Perché è partecipazione alla tutela dei “luoghi in azione” siano essi le sorgenti dei torrenti d’alto corso o i parchi acquatici cittadini o, ancora, i canali e i tratti fluviali urbani da troppo lasciati all’incuria e al degrado.

Regole per accedere ai corsi per i tecnici