Struttura di Attività Nazionale

Acquaviva

...

La S.D.A. Sport d'AcquaViva ed il Comitato Territoriale UISP di Grosseto, in collaborazione con il centro formazione Terramare, organizza il Corso per la qualifica di Tecnico base SURF/SUP. 

...

Una breve spiegazione di come trovare i regolamenti e l'uso del database tecnici UISP e database UISP/CONI

...

La spiaggia è il primo breve filmato di una serie, sull'acqua e le strutture marine, lacustri e fluviali, per pagaiare in modo più consapevole.

...

L'Acquaviva UISP prosegue nel suo impegno rivolto alla promozione dei fiumi e delle comunità rivierasche. Le feste natalizie, nonostante le temperature invernali, divengono momenti importanti di aggregazione e di valorizzazione delle attività di pagaia.

Meeting formazione Sport d'Acquaviva

5 ottobre 2018

Acqua roccia natura

20 giugno 2018

Vivifiume

14 giugno 2018

Riconoscimenti brevetti praticanti EPP

21 maggio 2018

La discesa dei fiumi uniti

19 maggio 2018

1° Raduno Vivifiume - Sesia

5 maggio 2018

 

DOMANDE E RISPOSTE

Risposte alla domande più frequenti

Regole per accedere ai corsi per i tecnici

Perché pagaiare in Acquaviva-UISP è diverso?

Perché l'Acquaviva-UISP pone al centro delle proprie attività il tema dell'identità e dell’appartenenza alla UISP: tema che si declina nei cento modi e cento tempi diversi che caratterizzano i club, le associazioni e i singoli soci sul territorio ma che, sempre e ovunque, si concretizza nell’inclusione (disabilità, immigrazione, disagio sociale, ecc.), nella partecipazione attiva e nell’attenzione all’ambiente.
Perché non è riconducibile al primato dell’etica del risultato, propria dello sport di prestazione assoluta, ma è, invece, riconducibile alla tutela della salute, all'attenzione alla qualità della vita di ciascuno, al primato dell'educazione e della socialità.
Perché non è il fine ma il mezzo per la ricerca della felicità propria e di tutti a cominciare dai più deboli:

  • disabili fisici e sociali
  • immigrati
  • poveri.

Perché è partecipazione alla tutela dei “luoghi in azione” siano essi le sorgenti dei torrenti d’alto corso o i parchi acquatici cittadini o, ancora, i canali e i tratti fluviali urbani da troppo lasciati all’incuria e al degrado.