Comitato Territoriale

Cirie Settimo Chivasso

Gioca Judo

 

GIOCA JUDO

PREMESSA

“Lo «stare bene con se stessi» richiama l’esigenza che il curricolo dell’educazione al movimento preveda esperienze tese a consolidare stili di vita corretti e salutari, come presupposto di una cultura personale che valorizzi le esperienze motorie e sportive, anche extrascolastiche, come prevenzione di ipocinesia, sovrappeso e cattive abitudini alimentari, involuzione delle capacità motorie, precoce abbandono della pratica sportiva e utilizzo di sostanze che inducono dipendenza” (Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell’infanzia e del Primo Ciclo d’istruzione, 2012).

Nella fattispecie, l’attività integrativa del judo, realizzata in questa fascia di età, deve essere intesa non solo come pratica sportiva, ma come metodo educativo e formativo del bambino. Il judo, fisicamente basato sulla completa efficienza di tutti i gruppi muscolari, necessita di una preparazione fisica ottimale, eseguita tramite esercizi e giochi. I nostri istruttori qualificati -anche con specifico corso anti CoVid-19- educheranno il bambino ad una corretta pratica sportiva, evitando quindi sforzi con sovraccarichi notevoli e prediligere quelli naturali quali il semplice spostamento del proprio corpo.

 

Destinatari

Il target del progetto comprende i bambini delle scuole dell’infanzia.

Obiettivi e risultati attesi

  • Sviluppare maggiore coordinazione, scioltezza, forma e velocità
  • Migliorare motoria, elasticità e capacità spaziale
  • Sviluppare autostima e fiducia in sé
  • Imparare a comportarsi in palestra e a utilizzare il tatami
  • Apprendere il rispetto dell’avversario e le regole del combattimento
  • Educare i partecipanti all’espressione delle proprie emozioni attraverso strumenti di apprendimento informali;
  • Valorizzare la socializzazione attraverso le dinamiche di gruppo. Gli Alunni all’interno del gruppo impareranno a lavorare insieme, a rispettarsi, a confrontarsi per ottenere risultati comuni. Favorire lo sviluppo delle capacità di collaborazione oltre all’acquisizione di comportamenti ispirati al rispetto e all’educazione;
  • Favorire l’inclusione dei soggetti svantaggiati;
  • Contribuire con competenze specifiche alla diffusione del progetto, valorizzando gli aspetti formativi del judo e un equilibrato sviluppo di tutte le aree delle personalità degli alunni; 

Metodologia

La lezione verrà suddivisa in 3 momenti: gioco, propedeutica al judo, giochi e propedeutica per la lotta a terra. Verranno proposti giochi ed esercizi che abbiano una diretta finalità con il judo, ad esempio giochi che simulino le cadute e la lotta, sviluppo del NE – WAZA.

Al termine del ciclo d'incontri sarà possibile organizzare una lezione aperta dimostrativa per i genitori.

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

 

Calendario STOP Bullismo e Cyberbullismo 2022

Progetto RIMA

Rassegna stampa

Archivio fotografico

Pagine UISP

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER