Comitato Territoriale

Cirie Settimo Chivasso

Il nostro anno in breve

 LE ATTIVITA’ GIA’ MESSE IN CAMPO….

Proprio come i precedenti, anche il 2018 è stato un anno ricco di eventi, iniziative e progetti. Sebbene iniziata da poco, la stagione sportiva 2018/2019 ha già visto il Comitato impegnato su moltissimi fronti. Dal punto di vista internazionale si è registrato sicuramente il maggiore fermento: alla fine settembre si è concluso il progetto di durata biennale MEMTRAIN, realizzato al fine di studiare la correlazione tra attività fisica e implemento mnemonico nei soggetti over 55; nel mese di ottobre il nostro Direttore Roberto Rinaldi e la Project Manager Francesca Di Feo si sono recati a Nyíregyháza, in Ungheria, per il penultimo meeting inerente il progetto SPRINT, che si focalizza sull’inclusione e la promozione dello sport per i soggetti svantaggiati, quali ragazzi affetti da disabilità sia fisica che mentale e residenti nelle case-famiglia, soprattutto attraverso l’analisi e la raccolta dati. Sempre nel mese di ottobre si è tenuto il kick off meeting di SPIRITS, progetto un po’ più particolare rispetto agli altri a cui il nostro Comitato è abituato, dal momento che è rivolto agli operatori che svolgono lavoro volontario all’interno delle carceri; mentre a fine novembre si è svolto l’incontro iniziale per il progetto RE[ENTER], che coinvolge nuovamente gli operatori che operano all’interno delle carceri con lo scopo di utilizzare lo sport come mezzo di redenzione sociale, ma che in questo caso vede il Comitato in veste di partner.

Dal punto di vista nazionale, il nostro Comitato ha anche concluso con buoni risultati l’iniziativa Open Space, facente parte del macro-progetto “Giovani Attori di Trasformazione Sociale” promosso da UISP Nazionale e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Rivolto in modo particolare ai NEET, finalizzato alla creazione di una crew di street sport per utilizzare e valorizzare gli spazi pubblici al fine di prevenire l’emarginazione giovanile ha visto l’evento conclusivo domenica 14 ottobre presso il Palatenda di Caselle Torinese. Il Comitato ha inoltre avviato una proficua collaborazione con l’amministrazione comunale casellese, tornando a organizzare in modo congiunto la seconda edizione di Liber* di Muoversi in occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne: una manifestazione sportiva per dire “No” a qualsiasi forma di violenza e che quest’anno, grazie anche alla mostra Profumo di Vita #neldirittodelbambino dell’associazione Legal@rte ha posto l’attenzione sul tema della violenza assistita di cui sono vittime i minori. Sempre sul territorio di Caselle, nell’ambito del progetto AltroTempo 0-6, il Comitato ha iniziato a proporre FitMamme, ovvero una particolare attività fisica rivolta alle neo mamme, da svolgersi con l’ausilio del passeggino e con i propri bimbi, che diventano pesetti naturali. Un modo divertente e sano ripristinare il pavimento pelvico e le funzioni addominali, ma soprattutto per favorire il confronto e la socializzazione tra le partecipanti.

 

… E QUELLE DA PROSEGUIRE E AVVIARE

In questo 2019 continueranno ovviamente i progetti internazionali avviati nei primi mesi della stagione sportiva, avendo questi una durata biennale, come SPIRITS -che coinvolge anche il Comitato Territoriale UISP Alessandria, da circa 20 anni impegnato in progetti all’interno delle carceri- e RE[ENTER]. Proseguono con successo anche i corsi di AFA -Attività Fisica Adattata- che in alcuni comuni del territorio si sono notevolmente intensificati. L’AFA, promossa in collaborazione con l’ASL TO4 dal 2011, si rivolge in particolare alle persone ultra 65enni, ma anche coloro che svolgono una vita sedentaria e che spesso lamentano dolori articolari e difficoltà di movimento. Per informazioni sui luoghi e gli orari in cui si svolgono i corsi potete contattare le nostre segreterie: quella di Ciriè al numero 011/920.33.02 e quella di Settimo al numero 011/802.88.95 tutti i pomeriggi dalle 15.30 alle 19.30. Tra pochi giorni inoltri partirà il progetto di Servizio Civile “GNAM – Giocomotricità e Stili di Vita Attivi”, che vedrà il coinvolgimento di 6 volontari di età compresa tra i 19 e i 25 anni. Il progetto si svolgerà sia sul territorio di Ciriè/Valli di Lanzo che in quello di Settimo e si rivolge in particolare ai bambini della scuola dell’infanzia, dal momento che proprio in questa fascia d’età i piccoli prendono coscienza e acquisiscono il senso del proprio io fisico. Dai 3 ai 6 anni, infatti, i bambini imparano a controllare le funzioni corporali, sensoriali ed espressive, nonché di relazione: importantissimo, quindi, far comprendere loro la necessità di prendersi cura del proprio corpo attraverso l’educazione alla salute, non solo attraverso uno stile di vita attivo, ma anche con l’acquisizione di corrette abitudini alimentari. Questo però non è altro che l’inizio. Continuate a seguirci anche sulla nostra pagina Facebook per restare aggiornati su tutte le novità di quest’anno.

 

Archivio fotografico

Rassegna stampa

Promozione alla salute