Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Il corpo non mente

Mercoledì 22 novembre, a Ferrara, un incontro per discutere di violenza sulle donne nello sport. Dall'autodifesa alla consapevolezza del proprio corpo
di Francesco Mazzanti

BOLOGNA – Come si articola la violenza di genere nello sport? Perché c’è poca informazione? Si discuterà di questo (e non solo), mercoledì 22 novembre 2017 alle ore 17, nella sala del consorzio Wunderkammer a Ferrara, in via Darsena 57. La discussione "Riconoscersi e relazionarsi nella differenza, dai corsi di autodifesa alla consapevolezza del sé" approfondirà la questione in vista del 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

L’incontro non vuole solo commemorare e sensibilizzare nell'ottica della giornata, infatti la discussione si inserisce in un progetto più ampio, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna  nell'ambito della "Legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere", e che si è già articolato in città come Forlì e Reggio Emilia. A Ferrara sono previsti incontri pratici e teorici fino al 13 dicembre. Domani il dibattito permetterà  di ragionare su alcune parole chiave, suggerite dai singoli relatori, che vorrebbero rappresentare una proposta di lavoro comune. Come spiega Manuela Claysset, Uisp Nazionale, "sarà l'occasione per riflettere insieme, sfruttando lo sport come sede di incontro e rielaborazione collettiva".

"Vogliamo affrontare la violenza di genere – afferma Giulia Bonora, organizzatrice del corso –  e come si articola nello sport, perché è un mondo ancora sconosciuto da questo punto di vista. Per esempio, non si sa a quali enti rivolgersi in caso di violenze. L’incontro con le associazioni serve proprio a far conoscere questo mondo". Gli incontri pratici, invece, si terranno al Teatro Off di Ferrara in via Alfonso Primo d’Este 13 e saranno condotti dal maestro di jujitsu Davide Conti: "non sarà un classico incontro di autodifesa – continua la Bonora – si cercherà di capire come provare a difendersi aumentando la consapevolezza del proprio corpo".

Oltre ai rappresentanti di Uisp Enrico Balestra (Ferrara) e Manuela Claysset (Uisp Nazionale), saranno presenti per le associazioni Paola Castagnotti del Centro Giustizia Donne di Ferrara e Stefania Guglielmi dell’Unione Donne. A rappresentare le istituzioni il vicesindaco di Ferrara, Massimo Maisto e Roberta Mori, presidente Commissione parità Emilia-Romagna.

Uisp-a-mente

FuoriArea.Net

La Uisp in tasca

Progetto Cuore