Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Dallo sportpertutti ai diritti di tutti. Un convegno dell'Uisp Emilia Romagna

Il 20 marzo una giornata su integrazione e multiculturalità al centro sportivo Barca di via Raffaello Sanzio 6 a Bologna.

I Liberi Nantes ai Mondiali Antirazzisti Uisp - Foto di Antonio Marcellodi Vittorio Martone


BOLOGNA - Migrare, cambiare paese e tradizione portandosi dietro il bagaglio della propria cultura, della propria storia, della propria quotidiana esistenza. Un processo che può trovare un completamento solo attraverso l'integrazione delle proprie istanze con quelle del paese che apre allo straniero le proprie porte. Per riflettere sulle modalità di integrazione dei migranti e sulla funzione che lo sport può svolgere in questo senso la Uisp Emilia Romagna ha organizzato per il 20 marzo, presso il Centro sportivo Barca di via Raffaello Sanzio n. 6 a Bologna, un convegno dal titolo "Dallo sportpertutti ai diritti di tutti".

Un appuntamento che oscilla tra due forme di comunicazione: quella verbale del convegno, che si svolgerà dalle 10 alle 13, e quella invece riservata alla libera espressione del corpo attraverso lo sport, prevista dalle 10 alle 16. In aula interverranno Richard Amechi, presidente del Forum metropolitano delle associazioni di cittadini non comunitari della provincia di Bologna; Raymon Dassi, assessore alla qualità dell'integrazione del Comune di San Lazzaro di Savena (BO); Vincenzo Manco, presidente del Comitato regionale Uisp Emilia Romagna; Silvia Bagni, dottore di ricerca in diritto costituzionale dell'Università di Bologna. L'incontro sarà moderato da Ivan Lisanti, responsabile della Commissione Uisp Emilia Romagna su diritti, integrazione e multiculturalità.

Durante e dopo il convegno si svolgeranno invece differenti attività sportive curate dalle Leghe dell'Uisp. Sono in programma partite di calcio, cricket e pallacanestro, che vedranno esibirsi tra gli altri il team degli Strangers, squadra interamente composta da filippini che sta facendo faville nel campionato provinciale amatori Uisp a Bologna. Sono poi in programma esibizioni di carrom board (tradizionale forma di biliardo molto diffusa nel sud-est asiatico), di backgammon e di warri (gioco da tavola diffuso nell'Africa sub sahariana che simula il rituale del raccolto e della semina). A tutto ciò si sommerà, grazie al contributo dell'Area Gioco Emilia Romagna, la riscoperta dei giochi più antichi, e spesso dimenticati, della tradizione italiana.

L'evento rappresenta la naturale prosecuzione dell'impegno dell'Uisp nei processi di integrazione e di incontro tra culture nel nostro paese, da sempre al centro dello statuto dell'Unione Italiana Sport Per tutti. Impegno che è stato recentemente ribadito anche in occasione dello sciopero internazionale dei migranti del 1 marzo e della manifestazione in piazza Maggiore a Bologna ad esso legata, cui la Uisp ha aderito chiedendo il riconoscimento alle comunità di migranti dei diritti di welfare e la garanzia di un futuro di pari opportunità per tutti.

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp