Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Il futuro del Coordinamento Attività subacquee. Un'intervista a Giorgio Trotter

La testimonianza del coordinatore regionale sui temi dell'attività, del modello organizzativo e dell'innovazione.

"In Emilia Romagna ci siamo appena costituiti come Lega e, al momento, abbiamo la necessità di trovare una nostra collocazione regionale. L'idea è di impostare i lavori su principi di totale apertura verso le realtà territoriali, con un approccio esplorativo, determinato dal desiderio di radunare sotto un unico tetto le esperienze variegate presenti nella nostra organizzazione e col fine di scambiarci opinioni e trovare le migliori soluzioni per far crescere la subacquea in regione.

Sinora la nostra Lega nazionale ha lavorato in maniera egregia sul piano della formazione. Ne è dimostrazione il nostro regolamento formativo che, ad oggi, rappresenta uno dei testi più ampi sul tema nel panorama delle Leghe Uisp. Altro ambito che a livello nazionale ha caratterizzato  le nostre attività è stata la trasversalità con le esperienze delle altre Leghe sui vari territori. Noi vogliamo proseguire questo percorso, stando dentro la Uisp come persone capaci di portare il proprio contributo anche per iniziative che non riguardano direttamente la subacquea.

In merito alle nostre attività, segnaliamo innanzitutto la totale assenza di agonismo. Siamo molto attenti al settore della disabilità in cui abbiamo già lanciato  il progetto 'Divers-amente abili', giocando un po' con le parole e con il corrispettivo inglese 'to dive' (immergersi, ndr). Pensiamo poi di poter avvicinare alla subacquea persone che genericamente sono escluse da questo mondo, come ad esempio gli anziani, attraverso un'attività di esplorazione della superficie del mare e di piccole gite che non richiede attrezzature 'fantascientifiche'. Questo lavoro può avere un risvolto sociale molto importante e ci potrebbe permettere di avvicinarci ancora di più all'attività di altre Leghe.

Segnaliamo poi alcune difficoltà, che riguardano soprattutto le spese che i nostri circoli devono sostenere. In tal senso, speriamo di raggiungere delle forme di gestione equilibrate tra un'ampia offerta e dei costi contenuti".

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp