Comitato Regionale

Emilia-Romagna

L'8 luglio partono i Mondiali Antirazzisti

Cinque giorni di sport e giochi dal mondo, per dire no a tutte le discriminazioni e riunire storie e colori diversi, accomunati dal desiderio di contribuire alla creazione di un mondo migliore.

La conferenza stampa dei Mondiali Antirazzisti - Foto di Antonio MarcelloBOLOGNA - Cinque giorni di sport e giochi dal mondo, per dire no a tutte le discriminazioni e riunire storie e colori diversi, accomunati dal desiderio di contribuire alla creazione di un mondo migliore. È questo il progetto dei Mondiali Antirazzisti, descritto nella conferenza stampa di presentazione della XIII edizione tenutasi il 6 luglio a Bologna presso il Comitato Uisp dell'Emilia Romagna. Dall'8 al 12 luglio il parco Salvador Allende di Casalecchio di Reno ospiterà infatti la grande festa dei Mondiali e le sue 204 squadre in rappresentanza di oltre 50 nazionalità. Si giocherà a calcio su 17 campi e poi a rugby, pallavolo, cricket e basket. Accanto allo sport un ricco programma culturale con proiezioni di film e dibattiti sul tema delle discriminazioni razziali e di genere. Tutte le sere concerti ed un nutrito panorama di stand gastronomici per assaggiare svariati sapori, dall'Emilia all'Africa.

"Cresce sempre di più - ha affermato il sindaco di Casalecchio di Reno Simone Gamberini - la sintonia tra la cittadinanza del nostro territorio con la realtà dei Mondiali, sottolineata ulteriormente dalla partecipazione al torneo di due squadre del nostro comune". Grande il coinvolgimento anche del mondo dell'associazionismo che per un intero anno ha contribuito all'organizzazione di questa edizione della festa. "Proprio dagli input arrivati dalle associazioni - ha sottolineato Carlo Balestri del Progetto Ultrà, organizzatore della manifestazione assieme all'Istoreco - è nata l'idea di concentrare la nostra attenzione sulle tematiche di genere, con workshop e attività nel neonato Punto Arcobaleno". Hanno ricordato questo lavoro di collaborazione anche gli altri partner organizzativi presenti alla conferenza stampa, tra cui Cgil, Amnesty, Rete Fare, Piazza Grande e Young Action for Peace.

Testimonianze del lavoro sociale dei Mondiali saranno garantite anche dalla presenza dei ragazzi di Psicoradio, emittente gestita da disabili psichici che trasmetterà da Casalecchio, e da Hanem Al Sawaf, direttrice palestinese del centro educativo Al Zuhur, che opera nel campo profughi di Shu'fat a Gerusalemme est in collaborazione con l'ong dell'Uisp Peace Games. "Siamo inoltre orgogliosi di promuovere tramite i Mondiali - ha affermato Matthias Durchfeld dell'Istoreco - il recupero della memoria storica delle nostre città, come avverrà l'8 luglio con la passeggiata nel centro di Bologna che toccherà i luoghi simbolici del passato del capoluogo felsineo". Tema della memoria ripreso anche dal presidente dell'Uisp Emilia Romagna Vincenzo Manco, che ha sottolineato "l'attenzione a questo aspetto presente in tutte le attività di gioco e sport che il nostro comitato propone su tutto il territorio regionale".

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp