Comitato Regionale

Emilia-Romagna

La XIV edizione della festa antirazzista della Uisp presentata a Bologna il 5 luglio

Andrea Zorzi sposa la causa dei Mondiali Antirazzisti e chiude il suo tour a Casalecchio di Reno.

I Liberi Nantes ai Mondiali Antirazzisti Uisp - Foto di Antonio MarcelloBOLOGNA - Si è svolta a Bologna, nella sede della Uisp regionale Emilia Romagna, la conferenza stampa della XIV edizione dei Mondiali Antirazzisti, manifestazione organizzata da Progetto Ultrà Uisp Emilia Romagna, in collaborazione con Istoreco, rete FARE, Comune di Casalecchio di Reno e supportata da Regione Emilia-Romagna e Provincia di Bologna, che terrà dal 7 all'undici luglio a Casalecchio di Reno (BO).

"I Mondiali rappresentano una scelta politica dell'amministrazione, condivisa con la Uisp ormai da quattro anni - ha spiegato Simone Gamberini, sindaco di Casalecchio di Reno - attraverso un'esperienza di vero e proprio affiancamento. Quest'anno più che mai ci sentiamo vicini e condividiamo il messaggio della manifestazione 'Uguali diritti per tutti', perché soprattutto a livello territoriale c'è la necessità di costruire percorsi reali d'integrazione, per tutelare ragazzi giovanissimi nati in Italia che però non vengono riconosciuti come tali".

Anche la Regione Emilia-Romagna ha manifestato direttamente il suo supporto attraverso le parole dell'assessore alla cultura Masssimo Mezzetti: "Lo spirito di questo evento è un tipico esempio di come lo sport si può coniugare con la cultura e con le culture e insieme a queste costruire un percorso riconoscimento dell'altro".

Un ponte ideale collega quest'anno i Mondiali Anrirazzisti con quelli del calcio professionistico in Sudafrica come ricorda Filippo Fossati, presidente nazionale Uisp: "Per noi i Mondiali sono una grande manifestazione nazionale, condivisa e apprezzata da tutta la nostra associazione. È una manifestazione che ha nel cuore i valori della Uisp: lo sport praticato da tutti nella sua dimensione corale e collettiva. Abbiamo esportato lo spirito dei Mondiali anche in Sudafrica. Attraverso dei kit distribuiti ai ragazzi siamo riusciti a parlare di sport ed integrazione, intervenendo in un territorio difficile con tensioni ancora molto forti. Con la consegna del premio Nelson Mandela contro il razzismo abbiamo poi ribadito l'impegno della Uisp nel valorizzare le esperienze di integrazione".

Il programma di quest'anno si presenta come sempre molto ricco. Tra le novità la chiusura del tour "Tracce di sport" dell'ex nazionale di pallavolo Andrea Zorzi, la partecipazione dei bambini dei campi estivi della Uisp di Bologna, i corti di animazione presentati dalla DER - Documentaristi dell'Emilia Romagna e la presenza della squadra dell'Istituto penale minorile del "Pratello" direttamente sui campi del centro Salvador Allende.

Anche per l'edizione 2010 i Mondiali rinnovano il loro impegno per la tutela dell'ambiente come sottolineato da Manuela Claysset, della Uisp Emilia Romagna, che ha ricordato anche la centralità della lotta contro l'omofobia ed il sessismo.

In conclusione, Carlo Balestri, responsabile dei Mondiali Antirazzisti, lancia un appello alla nazionale italiana ormai libera da impegni calcistici: "Può venire a partecipare ai Mondiali Antirazzisti, dove quello che conta non è il risultato finale, ma i valori messi in campo".

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp