Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Racconti di bike trial, attività subacquee ed equestri e scacchi da SportDays

Le testimonianze degli operatori Uisp impegnati sul campo per far sperimentare nuove attività motorie alle persone

Un'esibizione di bike trial a SportDays - Foto di Antonio MarcelloRIMINI - Eclettica e variegata è stata la proposta di attività presentate nel PalaUisp alla fiera SportDays, organizzata a Rimini dal Coni dal 9 all'11 settembre. L'Unione Italiana Sport Per tutti ha fatto una scelta precisa per l'occasione: stimolare la curiosità delle persone con la pratica diretta, mettendo una accanto all'altra discipline molto differenti. Ne è un esempio lampante l'accostamento di bike trial (attività di superamento di ostacoli in sella alla bici che è stata anche presentata in un partecipato workshop nella giornata odierna), attività subacquee, scacchi e attività equestri e simulazioni di giocoleria a cavallo con Cavalgiocare.

"Abbiamo vissuto bei giorni grazie anche a una splendida organizzazione da parte della Uisp - racconta Massimo Jacoponi, responsabile del bike trial per la Lega Ciclismo Uisp - e siamo riusciti a far apprezzare i rudimenti di questa nostra attività a circa 60 ragazzi. Il nostro - sottolinea l'operatore Uisp - è uno sport che richiede grande tecnica e quindi non ha numeri altissimi. Per questo sono fondamentali momenti come questo, che ci permettono di far comprendere come la bici usata per esercizi di equilibrio e piccole acrobazie possa essere strumento per un maggiore coinvolgimento delle giovani generazioni".

Particolarmente apprezzato è stato lo stand della Lega Attività Subacquee, che con i suoi volontari e la sua piscina autoportante ha fatto provare a 70 bambini una prima immersione con respiratore e bombola. "Spesso i genitori sono titubanti rispetto a una simile esperienza - racconta Enrico Maestrelli, presidente nazionale della Lega Attività subacquee - ma di fronte all'insistenza dei bambini che naturalmente si incuriosiscono finiscono sempre anche loro per sperimentare questa disciplina. Si sa che alla fine i bambini vincono sempre e per noi è motivo di divertimento riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone, nella speranza di avvicinarle al nostro modo di vivere l'attività subacquea".

Poco distanti dalla piscina dei sub si trovavano i tavoli del Coordinamento Scacchi. "Ci siamo inseriti per la prima volta - afferma Erminio Castaldi, dell'area formazione e ricerca del coordinamento nazionale Scacchi - in un evento di questo tipo, stando vicini peraltro allo stand dei giochi tradizionali. La nostra presenza è stata apprezzata da molte persone che hanno curiosato e provato a giocare qualche partita. Penso si tratti di un primo approccio positivo che può solo migliorare se si dovesse ripetere in futuro una simile esperienza".

"Ambiente e innovazione sono le parole chiave che hanno caratterizzato il padiglione Uisp - ha affermato Mariagrazia Squadrani della Lega Attività equestri - e la risposta alla nostra attività ci è sembrata molto positiva. La nostra difficoltà in eventi come questo è sempre quella di tradurre in attività al coperto ciò che facciamo all'aria aperta con i cavalli, sapendo che qui ci troveremo a tentare di far avvicinare le persone al mondo del cavallo senza avere gli animali con noi. Non vogliamo infatti imporre forzature agli animali costringendoli in una fiera e per questo dobbiamo impegnarci ogni volta a superare i piccoli blocchi delle persone. Alla fine, attraverso il gioco e il racconto della vita del e a cavallo, si riesce sempre a far breccia e ottenere una buona risposta".

(vi.mar.)

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp