Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Chi fa sport ci sta a cuore

Si conclude a Ravenna il progetto finanziato da Cia-Conad, che ha regalato 60 defibrillatori alle società sportive dilettantistiche Uisp.

 

di Nicola Morretta

RAVENNA - La sicurezza e la tutela della salute dei soci è da sempre una prerogativa della Uisp. Quest'anno, grazie alla collaborazione con Cia-Conad, si è deciso di regalare 60 defibrillatori alle società sportive di quattro regioni diverse con il progetto "chi fa sport ci sta a cuore". Giovedì 28 novembre, nella Sala della Giunta del Comune di Ravenna, si è svolta la premiazione conclusiva con la consegna degli ultimi quattro defibrillatori alla presenza dell'assessore allo sviluppo economico del comune di Ravenna Massimo Cameliani, del presidente Uisp nazionale Vincenzo Manco e di Luca Panzavolta, amministratore delegato di Cia-Conad.

Il progetto si inserisce all'interno dei festeggiamenti per i 60 anni del gruppo Conad che ha voluto ribadire il suo impegno per migliorare la salute dei cittadini, non solo attraverso una sana alimentazione, ma anche sostendo economicamente la sicurezza nei centri sportivi dilettantistici del territorio nazionale. "La presenza dei defibrillatori è fondamentale perchè può salvere delle vite - spiega Luca Panzavolta - e la rete dei soci imprenditori Conad, che si sente parte integrante della comunità romagnola e nazionale, ha deciso così di finanziare questo progetto".

La collaborazione tra Uisp e Conad ha avuto così il merito di intervenire con un'azione concreta per tutelare chi pratica sport riconoscendo così " il valore dello sport dilettantistico - ha detto Vincenzo Manco alla conferenza - che produce benessere e socialità nelle comunità cittadine". "Ringraziamo Cia-Conad - aggiunge Gabriele Tagliati presidente del Comitato Uisp Ravenna-Lugo - che ha scelto di premiare le società sportive di diversi ambiti, dall'attività subacquea al ciclismo alla danza, nessuna esclusa. Regalare i defibrillatori significa aumentare la sicurezza e venire incontro a delle spese che non sono sempre facili da sostenere".

La scelta di concludere l'evento a Ravenna è dovuta al costante impegno della giunta nella tutela dello sport non professionistico.  "Lo sport è celebrazione della vita - afferma l'assessore Massimo  Cameliani - e la giunta di Ravenna vuole ribadire il suo impegno nei confronti delle associazioni attive sul territorio per il benessere dei cittadini".

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp