Comitato Regionale

Emilia-Romagna

La Uisp sulla Rai con i Mondiali Antirazzisti di Bosco Albergati

Successo per l'edizione 23 della manifestazione Uisp. Proseguono in tutta Italia le iniziative dell'Almanacco antirazzista Uisp.

 

di Pierluigi Lantieri e Nicola Morretta


BOLOGNA
- Si è chiusa a Bosco Albergati (Modena) la 23esima edizione dei Mondiali Antirazzisti, la storica manifestazione di sport e inclusione che da quest'anno è inserita nell'Almanacco nazionale delle iniziative antirazziste Uisp. Da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno si sono incontrati centinaia di ragazzi provenienti da tutta Europa, divisi in 40 squadre di calcio, 20 di pallavolo e 6 di rugby.

"É stata un'edizione riuscitissima, che ha avvicinati i partecipanti alla comunità territoriale e il cambio di format si è rivelato un successo - ha detto in conclusione Carlo Balestri, responsabile politiche Internazionali Uisp - Ci sono tutte le condizioni per continuare lungo il percorso tracciato quest'anno".

Erano un migliaio a Bosco Albergati all’insegna di tolleranza, cittadinanza attiva e solidarietà, per tre giorni di inclusione attraverso lo sport: “C’è uno spirito gioioso, di festa – ha dichiarato Carlo Balestri ai microfoni della TgR Rai Emilia Romagna - mettiamo insieme sport, musica e cultura per far pensare e credere alle persone che possono stare insieme al di là delle differenze di genere, colore e religione”.

GUARDA IL VIDEO del servizio andato in onda domenica 2 giugno, nell'edizione delle 19.30

Alcuni partecipanti sono affezionati e non saltano un’edizione: Mino è l'allenatore di una squadra che fa scendere in campo gli utenti dei centri di salute mentale del bolognese: “Cerchiamo di integrare le persone e di spiegare, anche nelle scuole agli studenti, che c'è un modo diverso di fare sport e di non discriminare”.

I Mondiali Antirazzisti di Bosco Albergati sono stati anche lo scenario di tre progetti cui l'Uisp è capofila o partner: Agente0011-Missione inclusione, che ha coinvolto studenti e giovani di tutta Italia per renderli cittadini più responsabili e agenti del cambiamento; EYESS-European Youth Engaging in Solidarity and Sport che ha condiviso la metodologia dei Mondiali Antirazzisti in luoghi e contesti diversi, coinvolgendo molte città europee nella realizzazione di iniziative antirazziste; IRTS-Integration of Refugees Through Sport che, in due anni di lavoro, ha prodotto una guida e una piattaforma e-learning su come avviare progetti con i rifugiati all’interno delle società sportive.

Dopo le numerose partite disputate si è giunti alla finale della manifestazione che ha visto affrontarsi il Bosco Team e Il Ponte, in un'emozionante sfida ai rigori. Alla fine ha alzato la coppa "Invisibili" il Bosco Team, squadra di casa. Nella giornata di sabato si è anche svolta la fase finale del torneo DiMondi, un torneo auto-organizzato e itinerante nato proprio dall’esperienza dei Mondiali, che ora ha una sua autonomia ed è giunto alla quarta edizione.

Da Bosco Albergati l'Almanacco delle iniziative Antirazziste Uisp proseguirà ancora in diversi contesti. Partito ‪il 10 marzo da Castel Maggiore comprende 27 eventi dedicati allo sport inclusivo su tutto il territorio nazionale. A Bosco Albergati è andata in scena una delle tappe dell'almanacco, un'esperienza che sarà replicata ‪dal 5 al 7 luglio nel suggestivo scenario di Riace.

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp