Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Un pastiche di giochi, fitness, pattinaggio, danza e calcio a SportDays

Le testimonianze di operatori e dirigenti Uisp impegnati sul campo per far sperimentare nuove attività motorie alle persone

Il torneo di calcetto a SportDays - Foto di Antonio MarcelloRIMINI - Adiacenti le une alle altre, fin quasi al punto di mescolarsi. Così è stato scelto di mettere in mostra le discipline Uisp presenti alla fiera SportDays, organizzata dal Coni a Rimini dal 9 all'11 settembre. All'interno del PalaUisp ad attirare visitatori coinvolgendoli nella pratica diretta delle attività c'erano anche gli operatori dell'Area Gioco, delle Leghe Le ginnastiche, Pattinaggio, Danza e Calcio Uisp.

Ivan Lisanti, presidente dell'Area Gioco Emilia-Romagna, commenta con tono molto soddisfatto l'allestimento del padiglione Uisp. "Non posso che unirmi all'ottimo giudizio che già altri hanno dato. Ma lo faccio dal punto di vista tecnico di chi si occupa di organizzare simili manifestazioni per lavoro anche fuori dalla Uisp. Per quanto riguarda nello specifico il nostro settore, credo che in una prossima occasione, oltre a proporre i vari giochi di logica che abbiamo portato a Rimini, potremmo puntare anche su giochi di movimento come il tiro alla fune, il dodgeball e il frisbee per meglio uniformarci alla restante proposta di attività motoria".
 
"Credo che l'aver riunito nel nostro padiglione un insieme di sport non convenzionali - afferma Rita Scalambra, presidente nazionale della Lega Le ginnastiche - sia l'aspetto che ci ha caratterizzato. Da questa esperienza si può partire adesso per continuare a immaginare manifestazioni con proposte trasversali. Credo che la Uisp sia stato l'unico ente che ha creduto veramente negli SportDays, dando un contributo alla riuscita complessiva dell'evento. Di conseguenza ne usciamo rafforzati come associazione e mi auguro che questo comporti una maggiore attenzione del Coni, che deve comprendere al meglio la nostra collocazione e i nostri valori, la nostra identità che non è fotocopia di nulla. Solo partendo da questo riconoscimento si può impostare poi un lavoro in maniera sinergica".

Raffaele Nacarlo, presidente della Lega Pattinaggio, vede nella fiera riminese "un'esperienza positiva per la Uisp, che ha fatto la figura del leone per varietà di discipline proposte e possibilità di provarle. In particolare poi per il nostro free style, ci siamo trovati per la prima volta ad avere l'occasione di portare questa disciplina in un'iniziativa pubblica della Uisp, visto che in genere usciamo con l'artistico. Adesso vorremmo bissare quest'esperienza in tutte le edizioni locali del prossimo Vivicittà".

Più complesso il quadro per quanto riguarda la danza: "Io sono dell'opinione - afferma il presidente di Lega Furio Bologni - che il palcoscenico naturale della danza sia il teatro. Ma credo anche che manifestazioni simili, migliorate con alcuni accorgimenti riguardanti il palco, le luci e gli impianti audio, possano essere utili anche al nostro movimento. Nulla da eccepire invece sull'organizzazione generale e la strutturazione del nostro padiglione".

E proprio a poca distanza dal palco della danza e delle ginnastiche si trovava il campo di calcetto che ha visto disputarsi un minitorneo con 9 partite 5 contro 5. Delle rappresentative in gara, alla fine si sono aggiudicati la "competizione" (volta più a promuovere l'impegno sociale della Uisp attraverso il calcio) i rifugiati politici da Roma dei Liberi Nantes. Al secondo posto invece la selezione Mondiali Antirazzisti da Bologna e, sul gradino più basso del podio, la Polisportiva Aurora di Prato. A seguire invece la Polisportiva Va' Pensiero di Parma, composta da ragazzi dei centri diurni e d'igiene mentale, la Polisportiva Zambra di Pisa e la "Rappresentativa Emilia-Romagna da Piacenza.

(vi.mar.)

FuoriArea.Net

Differenze in Gioco

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp