Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Vincenzo Manco rieletto presidente del Comitato Uisp Emilia Romagna

Parole chiave come strumento di guida per lo studio e lo sviluppo di buone pratiche. È all'insegna di questo tema che si è svolto il 7° congresso regionale dell'Uisp Emilia Romagna, tenutosi a Ravenna il 3 e 4 aprile e apertosi con una tavola rotonda sul tema "Sport e politiche integrate".

Un'esibizione di ginnastica al 7° congresso Uisp Emilia Romagnadi Vittorio Martone


RAVENNA - Parole chiave come strumento di guida per lo studio e lo sviluppo di buone pratiche. È all'insegna di questo tema che si è svolto il 7° congresso regionale dell'Uisp Emilia Romagna, tenutosi a Ravenna il 3 e 4 aprile e apertosi con una tavola rotonda sul tema "Sport e politiche integrate". L'incontro ha visto la presenza di Vasco Errani, presidente della Regione Emilia Romagna, e di Stefano Vaccari e Fabrizio Matteucci, rispettivamente assessore allo sport della Provincia di Modena e sindaco del comune di Ravenna.

Al termine dei lavori, che si sono contraddistinti per la nutrita partecipazione sia numerica che critica, il presidente uscente Vincenzo Manco è stato riconfermato all'unanimità alla guida del Comitato regionale per i prossimi quattro anni. "Abbiamo di fronte un lungo cammino - ha affermato Manco - pieno di difficoltà. È per questo che credo che il nostro lavoro debba necessariamente svilupparsi attorno a tre concetti basilari: coraggio, coerenza e fatica".

Importante il contributo alla discussione che è stato fornito dal presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani. "La crisi che stiamo attraversando - ha detto Errani - determina sicuramente la necessità di cambiare gli stili di vita e l'attuale approccio al vivere sociale. Crediamo fermamente che lo sport ruoti attorno a questa necessità e che esso possa rappresentare un elemento fondamentale in questo processo di cambiamento".

Presente tra gli invitati anche l'assessore allo sport della Regione Emilia Romagna Alberto Ronchi, che nel suo intervento ha sottolineato la svolta compiuta dall'amministrazione regionale nell'emanazione di leggi finalizzate a mettere sempre di più in relazione lo sport con altri settori della pubblica amministrazione quali la sanità, il turismo, l'educazione e la cultura. Stimoli e spunti di riflessione che sono stati ripresi anche dal presidente nazionale dell'Uisp Filippo Fossati, che ha portato il proprio saluto insistendo sul ruolo che l'attuale dirigenza ha avuto nell'incentivare l'unità dell'associazione su tutto il territorio nazionale.

Nel corso dei 25 interventi che si sono susseguiti i dirigenti e gli operatori Uisp hanno avuto Il presidente Uisp Emilia Romagna Vincenzo Mancomodo di illustrare i diversi settori di sviluppo dell'associazione. Dalla tutela dell'ambiente all'antirazzismo e all'integrazione sociale, dallo sviluppo e dall'innovazione delle attività ai progressi nel campo della formazione, dalla ritrovata unità nazionale dell'associazione ai margini di lavoro sociale all'interno della crisi, il quadro che emerge è quello di un'associazione ricca di contenuti e di buone pratiche che fanno sperare nella possibilità di rilanciare, attraverso lo sport, l'affermazione dei diritti di cittadinanza e lo sviluppo del welfare di comunità. Tutto ciò all'interno di un contesto di collaborazione serrata con le istituzioni e gli enti locali che pone la regione Emilia Romagna al centro di un percorso innovativo ricco di prospettive anche in ambito nazionale.

Un Congresso regionale che ha lasciato grande soddisfazione tra le oltre 200 persone presenti, tra invitati e delegati, e che si è caratterizzato anche per la presenza di momenti di sport praticato grazie alle esibizioni di danza e ginnastica di un gruppo di giovani ginnaste di Ravenna e quelle di capoeira a cura di un gruppo di giovani esperti di danze tradizionali provenienti da Modena.

"Siamo molto soddisfatti - ha affermato in conclusione il rieletto presidente Vincenzo Manco - di come si siano svolti questi lavori, poiché in questi giorni stiamo davvero ponendo le basi per la Uisp del terzo millennio".

Scarica la relazione del presidente Vincenzo Manco

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp