Comitato Territoriale

Cirie Settimo Chivasso

PROSEGUONO CON SEMPRE MAGGIORE SUCCESSO I CORSI AFA

Dopo la pausa natalizia, sono già ripresi da alcune settimane i corsi di Attività Fisica Adattata -AFA- che si svolgono presso molteplici comuni del nostro Comitato e del Comitato Territoriale UISP Ivrea Canavese

Entrambi i Comitati, attraverso una stretta collaborazione con l’ASL TO 4, hanno avviato sui propri territori di competenza corsi di AFA fin dal 2011. Una scelta dettata soprattutto da un’attenta analisi dai dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo i quali 1/3 della popolazione mondiale non svolge adeguatamente attività fisica: a questa mancanza sono attribuiti non solo una notevole riduzione della qualità della vita, ma anche circa un milione di decessi all’anno. Tenendo conto di tali elementi, in Italia il Centro Controllo Malattie del Ministero della Salute sostiene molteplici progetti di promozione dei corretti stili di vita, sottolineando l’importanza dell’attività fisica sia per i soggetti giovani, sia per gli anziani. Ma in cosa consiste davvero l’AFA promossa dai due Comitati Territoriali? “Questo tipo di attività -spiega Marina Ottino ex dipendente dell’ASLTO 4 nei Servizi di Prevenzione, e ora responsabile dell’AFA territoriale- si rivolge in particolare alle persone ultra 65enni, ma anche a coloro che svolgono una vita sedentaria e che spesso lamentano dolori articolari e difficoltà di movimento. L’AFA è infatti un tipo particolare di attività fisica, da non confondersi con una ginnastica di tipo riabilitativo o con una ginnastica dolce. Viene svolta da istruttori della Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie -SUISM-  ulteriormente formati con corsi specifici all’interno della UISP. L’attività si svolge in piccoli gruppi, mai più di 12-14 persone, con l’esecuzione di esercizi appositamente indicati per persone con capacità motorie ridotte conseguenti a condizioni croniche quali artrosi del rachide, delle anche e delle ginocchia, esiti stabilizzanti dell’ictus cerebrale, malattia di Parkinson, diabete e sedentarietà”. Oltre all’aspetto del miglioramento prettamente legato al fisico, l’AFA ha anche un importante risvolto psicologico: praticare questo genere di attività permette di socializzare e creare nuovi legami, ritrovando anche il piacere di uscire di casa, che si perde spesso dopo lunghi periodi di immobilità. Questo aspetto, in particolare, determina una forte fidelizzazione ai corsi. Nel 2011, quando l’AFA ha iniziato ad affacciarsi sul territorio, gli iscritti erano poco più di un centinaio, mentre ad oggi risultano poco meno di 1.400 iscritti. Nell’area gestita dal nostro Comitato, dal 2017 al 2018 gli iscritti sono passati da 513 a 714 e i dati sembrano destinati ad aumentare: stessa sorte per il Comitato Territoriale Ivrea, che nel 2017 contava un numero di iscritti pari a 360, saliti a 480 nel 2018 e a 616 in questo nuovo anno sportivo. Per quanto riguarda il nostro Comitato attualmente sono 19 i comuni che effettuano l’AFA, per un totale di 52 corsi attivi, mentre sul Comitato UISP Ivrea possiamo trovare corsi attivi su 11 comuni. Per maggiori informazioni è possibile consultare i siti internet dei rispettivi Comitati http://www.uisp.it/settimocirie/ e http://www.uisp-ivrea.it/ oppure il sito www.aslto4.piemonte.it: nel box “Informazioni per il Pubblico” è possibile trovare il “Catalogo dei Progetti di Promozione della Salute” con una sezione dedicata all’AFA.

 

Archivio fotografico

Rassegna stampa

Promozione alla salute