Comitato Regionale

Emilia-Romagna

17 maggio - Giornata internazionale contro l'omolesbobitransfobia

Dalla redazione di Uisp Emilia-Romagna

 

Il 17 maggio ricorre l’IDAHOBIT, la giornata internazionale contro l’omolesbobiatransfobia. La data non è casuale: il 17 maggio 1990 è il giorno in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rimosso l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali pubblicata dalla stessa organizzazione.

L’IDAHOBIT ha come scopo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulla violenza, le discriminazioni e le disuguaglianze che la comunità LGBTQIA*+ vive tutt’ora. A più di trent’anni dalla depatologizzazione dell’omosessualità, infatti, la strada per l’uguaglianza di tutte le persone LGBTQIA*+ è ancora lunga e piena di ostacoli e difficoltà strutturali. Lo slogan di quest’anno è I nostri corpi, le nostre vite, i nostri diritti.

A differenza di eventi come il Pride l’IDAHOBIT non viene celebrato con un’unica iniziativa: è una giornata “aperta” in cui chiunque può organizzare eventi di qualsiasi natura (marce, presidi, ma semplici pic-nic) per promuovere una o più cause afferenti alle lotte della comunità.

Come Uisp Emilia-Romagna abbiamo individuato nel 17 maggio una delle date simboliche per sensibilizzare sulle discriminazioni omolesbobitransfobiche nell’ambito del progetto “Differenze in Gioco - Sport libera tutt*”.

In questa cornice si colloca l’iniziativa del Comitato di Parma “Camminiamo insieme contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia”.

Lo sport, infatti, può e deve agire come motore per la promozione di uguaglianza e solidarietà sociale, rompendo innanzitutto il silenzio sulle numerose barriere di accesso all’attività sportiva per le persone LGBTQIA*+.

Secondo il report di OUTSPORT (2019) infatti, in Italia il 41% delle persone LGBTQIA+* non fa coming out, il 20% delle persone della comunità hanno abbandonato lo sport per via del loro orientamento sessuale, percentuale che sale al 54% per le persone trans (medie europee). Sempre in Italia, il 60% delle persone che hanno partecipato alla ricerca hanno riportato episodi di discriminazione da parte di compagn* di squadra.

Questi sono solo alcuni dei numeri per restituire una realtà complessa e ostica come quella sportiva per le persone LGBTQIA+.

“Sport libera tutt*”, coerentemente con altre politiche che Uisp ha già avviato, vuole contrastare la violenza e l’esclusione che spesso caratterizza gli ambienti sportivi, rendendo questi spazi attraversabili da tutti i corpi e da tutte le identità per restituire allo sport la sua natura aggregativa e solidale.



“I nostri corpi sono le nostre vite. Abbiamo il diritto di vivere in libertà e con dignità!”

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE
SPORT POINT - Consulenza accessibile per lo Sport

PartecipAzione: AssociAzioni in-formazione

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Il calendario degli appuntamenti di formazione per istruttori Uisp

Forum Terzo Settore Emilia-Romagna

Il sito del Forum del Terzo Settore Emilia-Romagna

#EppurMiMuovo: lo sport a casa con LepidaTV

Lo sportpertutti a casa tua: la Uisp Emilia-Romagna e le sue proposte di attività motoria durante il lockdown

FuoriArea.Net