Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Chiudono i battenti sull'edizione 17 dei Mondiali Antirazzisti

Ieri dibattito con Cécile Kyenge Kashetu, finali e premiazioni. La ministra ai partecipanti: "Siete un esempio d'integrazione attraverso lo sport". La coppa più importante, per i progetti contro il razzismo, agli Rfc di Caserta

La ministra Cécile Kyenge Kashetu in visita nelle cucine dei Mondiali Antirazzisti - Foto di Nicola Fossella - Shoot4Changedi redazione Uisp Emilia-Romagna

CASTELFRANCO EMILIA (MO) - "Un milione di bambini in Italia subiscono, anche nello sport, discriminazioni e non hanno diritto al gioco". Parte da qui la riflessione della ministra all'integrazione Cécile Kyenge Kashetu, intervenuta ieri al dibattito "Sport di cittadinanza, cittadinanza sportiva" che si è svolto nel parco di Bosco Albergati a Castelfranco Emilia (Mo) - alla presenza di oltre 200 persone -  all'interno dei Mondiali Antirazzisti, la festa Uisp che torna ogni luglio per combattere le discriminazioni attraverso sport, musica e cultura. "Il primo punto - ha affermato la ministra - è lo ius soli. E mai come oggi si è visto un paese mobilitato su un tema simile con così tanta attenzione. C'è un cammino da fare insieme per rispondere con linguaggio non violento a tutti i discorsi razzisti. Questo paese è pieno di buone pratiche, tiriamole fuori. Facciamo vedere che l'Italia è altro partendo anche dai Mondiali Antirazzisti, che sono un esempio d'integrazione attraverso lo sport".

Mondiali che si chiudono oggi - dopo cinque giorni di sport, incontri e concerti - con i tornei di touch rugby, cricket e tchoukball, la disciplina nata in Svizzera negli anni Sessanta che nel 2001 è stata dichiarata dall'ONU "sport a sostegno della pace e della fratellanza", con la possibilità di fare dei corsi per chi non sa giocare. Alle 16 infine si svolgerà nello Uispace lo spettacolo delle leghe di pattinaggio, danza, ginnastiche e discipline orientali che riuniranno in  una sola esibizione le proprie specialità.

La finale ai rigori del torneo di calcio a 7 dei Mondiali Antirazzisit 2013 - Foto di  Antonio Marcello - Shoot4Change Ieri sera la festa si è conclusa con le premiazioni del torneo di calcio a 7 che ha visto impegnate 160 squadre dall'Europa e dal mondo. La Coppa Mondiali Antirazzisti, consegnata a chi durante l'ultimo anno ha realizzato il miglior progetto di lotta alle discriminazioni, è andata ai Rfc Ska Lions Caserta,la squadra nata nel 2011 che oltre a far giocare migranti e rifugiati politici si occupa di recuperare campi da gioco e spazi pubblici abbandonati per rimetterli a disposizione di tutti. La coppa del torneo è stata vinta dai Liberi Nantes seguiti dagli Rfc Ska Lions Caserta e dalla Start Lazionet. Sempre i Liberi Nantes si sono aggiudicati - ancor prima dell'inizio dei Mondiali - la Coppa Invisibili. La squadra, classificatasi seconda nel campionato di terza categoria della Figc Lazio, non compare nella classifica ufficiale perché schiera in campo profughi, richiedenti asilo e senza cittadinanza, dunque non riconosciuti dalla federazione.

La Coppa Piazza Antirazzista, per il miglior materiale preparato nell'area centrale dei Mondiali è andata ai Lowen Fans Gegen Rechts di Monaco; la coppa Kick Sexism ad Atlantide per le battaglie civili che combatte da anni per i diritti di genere. I volontari Yap + Younet, provenienti da Corea del Sud, Taiwan, Kenia, Ghana, Salvador, Rep. Slovacca, Germania, Spagna, Ungheria, Turchia, Francia, Inghilterra, Russia si sono aggiudicati la Coppa Km; il gruppo "Kvb - Quelli della vecchia Bari" hanno vinto la Coppa Ultras per l'impegno antifascista all'interno della curva. I Boycott Granarolo - gruppo che lotta per i diritti dei migranti assunti dall'omonima azienda - e i Settefonti, da anni segnalati per la loro correttezza, hanno vinto rispettivamente la Coppa Bagna e la Coppa Fair-play. Alla Rep. Internationale di Leeds il torneo di calcio a 7 femminile. Per gli altri sport l'Arranged Team si è classificata prima delle 26 squadre di basket mentre per la pallavolo il titolo è andato alla Lokomotiv Zapata. Garibaldi 2 Calderara Cricket invece ha vinto il trofeo del cricket, per la quarta volta. Per quanto riguarda il torneo di tchoukball, ospitato per la prima volta ai Mondiali Antirazzisti e che ha visto la partecipazione di 7 squadre per un totale di circa 40 giocatori, il trofeo è andato alla squadra "I porci comodi" che ha vinto in finale contro i casertani di Rfc Ska Lions Tchoukball Club. I quali, come visto, hanno avuto una ben ricca consolazione.

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE
SPORT POINT - Consulenza accessibile per lo Sport

PartecipAzione: AssociAzioni in-formazione

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Il calendario degli appuntamenti di formazione per istruttori Uisp

Forum Terzo Settore Emilia-Romagna

Il sito del Forum del Terzo Settore Emilia-Romagna

#EppurMiMuovo: lo sport a casa con LepidaTV

Lo sportpertutti a casa tua: la Uisp Emilia-Romagna e le sue proposte di attività motoria durante il lockdown

FuoriArea.Net

Webcam couples - live sex sites

Find and Don't hesitate to look at the keyword phrases that are most frequent. This gives you exactly what you want and helps save time. And once you interact with our models, you can even don't hesitate to ask them to execute some of the things you wish to see!

When a version opens her career she does the search what turns on guys. And a lot of people love girls with dildos. Scientists say this is because you don't see the other person and it all resembles a sex action that is personal chat18.