Comitato Territoriale

Cagliari

Libano Summer Camp 2016

Due missioni con quattro operatori Uisp: Summer Camp per i bambini dei campi profughi e formazione per educatori. Maura Corda della UISP Cagliari ci racconta.

Maura, la nostra ancella del sorriso in Libano

Anche nel periodo estivo l’Uisp prosegue il suo impegno di Cooperazione e Sviluppo in Libano. Sono in corso, infatti, due missioni in diverse località del paese, condotte da quattro operatori Uisp: una legata ad un progetto di Terre des Hommes ed una in collaborazione con CTM.

Nella seconda dal 12 luglio 2016 l’Uisp è a Beirut con Alessandro De Paolis, dell’Uisp Roma, e Maura Corda, Uisp Cagliari, per la gestione dei Summer Camp, inseriti nel progetto Rafforzamento dell’offerta di servizi sociali ed educativi a favore dei minori palestinesi dei Campi profughi di Mar Elias, Burj Barajneh e Rashidieh in Libano, in cui l’Uisp è al fianco della ong CTM.

Ma è proprio di Maura Corda che vogliamo parlare e del suo impegno in terra libanese. Si trova a 2500 km circa di distanza dalla Sardegna, nella capitale Beirut dove rimane in contatto con noi quotidianamente e ci racconta di una “città apparentemente tranquilla e molto occidentale, un caldo umido e un traffico folle”.

Tra le arterie Charles Malek e Alfred Naccash sulla El Sayed si trova, a poca distanza dal porto, il quartier generale del campo estivo. L’esterno del campo, ci dice Maura “somiglia a un mini parco. Bellissimo. L’interno a un orfanotrofio.” I suoi racconti spaziano tra vari argomenti, il volano è il diverso che incuriosisce, la pulizia lascia a desiderare, "è molto lontana da quella che intendiamo noi." I palazzi del circondario si ergono in alto per decine di piani, “sembrano quelli di Sant’Elia” ci dice Maura, violentati dai segni bellicosi del passato, feriti da proiettili e dalle schegge impazzite della guerra, “a una signora le è entrato un missile in casa”, ci scherza su la nostra simpaticissima dirigente.

Continua il suo racconto, si capisce che laggiù la vita è di gran lunga meno agiata della nostra “Ogni tanto salta la corrente e chi non ha il generatore privato rimane senza. Immaginatevi il frigo e la conservazione dei cibi”. Si mangia poca carne e poco pesce, “è consigliato mangiarli solo al ristorante, si mangiano molte creme di verdure, il pane è ottimo e il riso con le lenticchie abbonda, così come la birra, buonissima”.

Maura cerca di farsi capire dai presenti “Qui parlano l’arabo, l’inglese e un po’ di francese”, i bambini sono circa 25 “educati e amorevoli, comprese le maestre”.

Raccontare le cosa che l’hanno colpita non è semplice, sono tante, Maura non si tira indietro “La cosa triste è che quando uscivano dai campi profughi incontravano i bambini più poveri che desideravano tanto di essere lì con loro. Le strade sono larghe come il corridoio della UISP, i cavi elettrici pendono ovunque come l’immondezza che abbonda nelle stradine in mezzo a fango e acqua putrida”. In questo spaccato di vita quotidiana di Beirut si prova a scherzarci sutra le viuzze ci sono i fattorini delle bibite che sgommano lungo il tragitto, immaginatevi quando incontrano un altro fattorino in scooter, uno deve fare marcia indietro perché in due non ci passano nella stretta stradetta”.

I campi durano quattro giorni, dal giovedì alla domenica, il primo si è svolto dal 14 al 17 luglio, il secondo si concluderà domenica 31 luglio, entrambi rivolti ai bambini di due campi profughi di Beirut. Il terzo e ultimo sarà per i bambini di un campo di Tiro. Si Lavora con bambini dai 9 ai 12 anni e il programma prevede in mattinata attività di acquaticità in piscina, infatti molti bimbi non sanno nuotare, mentre nel pomeriggio ci dedichiamo alle attività sportive, come calcio e basket. Insieme ad Alessandro e Maura operano le insegnanti che nei due anni precedenti hanno seguito la formazione del progetto e lavorano negli asili della Ghassan Kanafani Foundation. Loro sono abituate a lavorare con bambini più piccoli e quindi i due istruttori educatori UISP le supportano con questa fascia diversa di età, studiano il programma e lo applicano insieme, proponendo una parte sportiva, laboratori e scambi interculturali, ma anche balli e attività tradizionali. 

I bambini che partecipano alle attività sono maschi e femmine, ed è un modo per insegnare loro a stare con l'altro sesso. È un lavoro molto interessante, i bambini sono entusiasti: non hanno mai dormito fuori dal campo senza la famiglia, quindi per loro è un'esperienza forte, anche perché partono dalle condizioni ristrette dei campi e arrivano in posti belli, puliti, nel verde, in cui trovano spazio per correre e la piscina. 

L’intervento segue tre momenti formativi svolti nel 2015 e nel 2016, di cui uno proprio sui centri estivi, e continuerà con un altro modulo formativo e con il Summer Camp 2017.

Al primo impatto la più grande barriera è la lingua – dice Maura Corda, alla sua prima esperienza con l’Uisp al'estero – Però i bambini si sforzano molto a parlare in inglese, e abbiamo un’interprete che ha costruito un ottimo rapporto con i bambini e riesce a metterci in comunicazione con il loro mondo. I bambini giocano, maschi e femmine imparano a stare insieme e si divertono molto, sono curiosi e aperti alle cose nuove. Si respira un clima di festa, anche grazie alle insegnanti della Kanafani, sempre disponibili e pazienti. Sono esperienze intense ed emozionanti, ci confrontiamo con adulti e bambini che vivono in difficoltà e disagi grandissimi, ma sono genuini, gentili e accoglienti”.

A inizio agosto ritorno in patria, in Sardegna, “la mia terra” dice Maura. Che forse, nonostante la bellissima esperienza tra "questi bambini teneri e di rara bellezza", che si porterà dietro tutta la vita grazie alla UISP, un pò le manca.

 

 

Area Riservata
Area Intranet
Webmail

Comitato Territoriale Cagliari

Viale Trieste, 69
09123 Cagliari (CA)
Tel: 070/659754 - Fax: 070/7344749
e-mail: cagliari@uisp.it
C.F.: 92012120926

 

PAGINA WEB DELEGAZIONE SULCIS IGLESIENTE

PARTNER

FRIEND POST

PROSSIMAMENTE CON UISP CAGLIARI

Il 09 Aprile 2017 costruiremo ponti e relazioni a Cagliari per la 34^ edizione del Vivicittà 2017.

Invadiamo di sudore e colori la nostra città, e correndo aiuta anche te i bambini che fuggono dalla guerra in Siria. Si corre contemporaneamente in 50 città in Italia e nel Mondo e in 20 Istituti penitenziari e minorili.

http://www.uispit/cagliari/vivicitta