Comitato Territoriale

Pisa

Progetto A.G.E.S

Addressing Gender Equality in Sport. Affrontare l'uguaglianza di genere nello sport

 

Background

Perchè utilizzare lo sport per contrastare le disuguaglianze di genere?
Lo sport implica due diverse prospettive che vengono sempre più prese in considerazione a livello dell’Unione europea (UE): lo sport professionistico e lo sport amatoriale. In entrambe le sue connotazioni, esso rappresenta un settore dell’economia ampio e in rapida espansione e offre un contributo importante alla crescita e all’occupazione.

La parità tra donne e uomini è un principio fondamentale dell’Unione europea

Il Consiglio dei Ministri degli stati membri raccomanda di introdurre la questione di genere nello sport in quanto “attraverso l’utilizzo di una formazione e di strumenti specifici, è possibile incoraggiare, rendere in grado e supportare gli insegnanti di educazione fisica, i coach, i formatori e gli istruttori sportivi nel promuovere l’uguaglianza tra ragazze e ragazzi nello sport, e gestire situazioni problematiche causate da differenze di genere e questioni inter-culturali relative all’accesso alle pratiche sportive e all’educazione fisica”.

Ma sebbene la partecipazione femminile allo sport stia gradualmente aumentando, le donne rimangono sottorappresentate negli organi decisionali delle istituzioni sportive, sia a livello locale e nazionale, sia a livello europeo e mondiale. I dati contenuti nella relazione sulle donne al potere e nei processi decisionali preparata dall’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere (EIGE) per la presidenza lussemburghese del Consiglio dell’UE indicano che a livello europeo le donne rappresentano in media il 14% delle posizioni decisionali nelle confederazioni continentali degli sport olimpici in Europa. Nelle 28 confederazioni esaminate c’erano soltanto una donna presidente e otto donne vicepresidenti su un totale di 91.

Ma esistono sport per donne e sport per uomini? No, rispondiamo con questo progetto: esistono semplicemente sport.
L’obiettivo è dunque quello di introdurre la questione di genere nelle pratiche sportive e utilizzare strumenti efficaci per spingere ragazzi e ragazze a seguire le rispettive propensioni senza subire le influenze degli stereotipi.

L’altro terreno sui cui agire per abbattere gli stereotipi e i pregiudizi di genere sono i giovani.
Formare i ragazzi vorrà dire contribuire ad avere una società più rispettosa della diversità, più attenta alle esigenze di tutti, più inclusiva.


Descrizione del progetto

Il progetto, partito a gennaio 2019, avrà una durata biennale (24 mesi), coinvolge 2 partner europei (Spagna e Grecia) ed è rivolto a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 14 e i 18 anni e loro genitori; insegnanti di scuola media superiore, educatori, allenatori, dirigenti e operatori della gioventù.

Il beneficiario finale del progetto sarà l’intera comunità, essendo la formazione rivolta a prevenire episodi di violenza di genere e ad abbattere gli stereotipi e i pregiudizi.

Il progetto prevede diverse fasi: una fase preparatoria, durante la quale i partner hanno discusso, impostato, testato e perfezionato gli strumenti di analisi da utilizzare; una fase di attuazione , una fase di valutazione dell’impatto delle azioni pilota e che precede la fase finale di comunicazione, durante la quale i partner saranno invitati a diffondere i risultati del progetto.


Obiettivi specifici del progetto

  • rendere i giovani consapevoli del problema della differenza di genere nello sport, come nella vita
  • abbattere stereotipi e pregiudizi
  • combattere i comportamenti dannosi e violenti da parte dei giovani (nello sport), proponendo modelli di relazione tra i sessi basati sul rispetto reciproco rendere gli insegnanti, gli educatori, gli allenatori, i dirigenti consapevoli dell’esistenza del problema e fornire loro una metodologia da utilizzare per affrontare o risolvere eventuali casi
  • proporre un’idea di sport orizzontale e trasmettere il messaggio che lo sport è veicolo di unione, comunicazione, collaborazione, scambio di opinioni e facilita la partecipazione alla vita sociale


Le Azioni

Per raggiungere i suoi obiettivi, il progetto prevede le seguenti azioni:

  • elaborazione di un questionario da somministrare a circa 700 ragazzi per paese dai 14 ai 18 anni che andrà ad indagare la loro visione sulla parità di genere,
  • elaborazione di un questionario da somministrare a circa 700 genitori per paese che andrà ad indagare la loro visione sulla parità di genere,
  • elaborazione di un questionario da somministrare a circa 200 adulti per paese (dirigenti, allenatori, coach, operatori e insegnanti di scienze motorie) che andrà ad indagare la loro visione sulla parità di genere, la violenza, l’uso e la conoscenza di droghe, doping ecc
  • Attività di comunicazione e divulgazione (lancio del sito web, elaborazione linee guida, organizzazione eventi, meeting e scambi ecc.)


La Metodologia

Tutte le attività del progetto sono basate sulla continua collaborazione tra professionisti di diverse discipline: esperti in materia di questioni di genere e pari opportunità, educatori, psicologi, valutatori, esperti nel campo dello sport giovanile.

 

 Scarica la Brochure del progetto

 

 

 

AREA RISERVATA SOCIETÀ

AppUISP

ASSICURAZIONI E DENUNCE SINISTRI

CERTIFICAZIONE MEDICA E SEDI CONVENZIONATE

PAGINE UISP - Iscriviti alla newsletter

VANTAGGI PER I SOCI UISP

MONDIALI ANTIRAZZISTI