Comitato Territoriale

Cagliari

Progetto "il Calciastorie" Cagliari

LA GIORNATA CONCLUSIVA DI MILANO

I quattro A-Mori Rossoblù è una bella storia dal profondo del calcio, esattamente del Cagliari Calcio, scritta dagli alunni delle prime due classi, sezioni F e H, del Liceo Giovanni Maria Dettori di Cagliari, capitanati dal Dirigente Scolastico, prof. Marcello Garbati, e dal corpo docente composto da Prof.ssa Maria Lucia Sancassano, Prof.ssa Fatima Carta, Prof.ssa Maricilla Cappai e Prof Francesco Murtas. E' dedicata a tutti i cagliaritani di adozione, al loro amore per la città e per la Sardegna, ai valori positivi dello sport, per abbracciarli con la vita e per viverli con passione.

La storia è il frutto del progetto “Il CalciaStorie” che nasce dall’incontro tra la Uisp – Unione Italiana Sport Per tutti, da sempre impegnata sul fronte dell’integrazione, della multiculturalità e dell’antirazzismo, e la Lega Serie A, che ha reinvestito nell’iniziativa i fondi derivanti dalle multe erogate dalla giustizia sportiva per sanzionare comportamenti razzisti e violenti negli stadi di calcio italiani. Scopo del progetto era quello di promuovere, specialmente fra i giovani delle scuole superiori e nelle squadre giovanili di calcio, l’intercultura e la lotta contro ogni forma di discriminazione.

La memoria scritta dai ragazzi inizia così “Forse l’isola dei sardi non è Atlantide, forse non è neppure Scheria, l’isola di Nausicaa dalle bianche braccia, ma certamente la Sardegna è un luogo in cui lo straniero, una volta approdato, non va più via.

Il percorso del lavoro di tanti alunni d’Italia ha posto al centro il recupero della memoria attraverso il racconto di quindici storie di calcio che hanno vissuto, ognuno in modo diverso, esperienze di discriminazione o di integrazione; gli alunni del Liceo Dettori di Cagliari hanno lavorato alla costruzione della storia di alcuni giocatori del Cagliari Calcio che in passato, e ancor oggi, sono stati contagiati da quel “Mal di Sardegna”.

Non c’è stereotipo o pregiudizio che colpisca gli immigrati di oggi che non sia stato già rivolto, un secolo o solo pochi anni fa, a noi sardi. La Sardegna viene ancora identificata da molti come “terra di pastori e terra di banditi”, ma, in realtà è, per coloro che non hanno pregiudizi, un luogo ricco di storia, cultura e bellezze naturali. E ospitalità. Per secoli e fino a tempi molto recenti si usava l’espressione "Ti mando in Sardegna!", come minaccia soprattutto per poliziotti e militari, nulla di molto diverso dell’antica condanna ad metalla ai tempi dei Romani. Però, una volta conosciuta questa terra, aspra e ruvida solo all’apparenza, chi viene spesso vi rimane e queste sono le storie di chi ha fatto della Sardegna la propria casa. Di Cagliari in particolare.

All’interno del racconto si susseguono quattro semplici storie di integrazione di giocatori italiani, Luigi Riva e Giuseppe Tomasini, lombardi di origine, e due stranieri provenienti rispettivamente dal Brasile, Barroso Luis Oliveira, e dall’Honduras, Carmelo David Suazo Velásquez, simbolicamente rappresentanti di diverse decine di altri giocatori del Cagliari Cacio che hanno scelto Cagliari e la Sardegna come loro luogo di residenza una volta dismessi i panni di calciatore.

Non è stato facile per gli alunni scegliere la storia da raccontare ma soprattutto quali storie rivelare, potevano raccontarne tantissime altre, piccoli racconti di episodi di razzismo subiti in campo dal peruviano Julio Cesar Uribe (il primo episodio di razzismo in Italia in un campo di gioco) o dal camerunense Patrick Mboma (al quale un presidente di una società di calcio professionistica gli ha negato il trasferimento perché la piazza non sopportava un giocatore di colore nero), o quella di Daniele Dessena, attuale centrocampista del Cagliari, una compagna, un bimbo, è stato insultato in campo e sul web per la sua scelta di mettere alle scarpette i lacci arcobaleno contro l’omofobia.

Scrivono i ragazzi “Senza demagogia, sommariamente Cagliari e la Sardegna rappresentano un’isola felice dove gli episodi di razzismo e di omofobia rimangono isolati e fini a se stessi, non attecchiscono facilmente e rimangono confinati nell’ambiente di pochi esaltati ignoranti. Le storie di amore per la città di Cagliari, per l’isola sono storie di orgoglio, di fatica e di sacrificio, che abbiamo voluto raccontare, sono storie semplici e comuni a tante altre; non è una storia di una persona, non sono storie di pochissime persone, sono storie di tantissimi calciatori che si sono integrati bene a Cagliari al punto di farne la loro città adottiva.” E ancora “Semplici giocatori capaci di farsi amare fuori dalla propria patria e dalle loro città native, per certi versi un po’ simili (ma con destinazioni differenti) a quella del sardo Gianfranco Zola a Londra (più che a Napoli), dove la società “Transport for London” gli ha intitolato il capolinea Richmond della metropolitana londinese.

Nel percorso della memoria di queste storie di integrazione il pensiero dei ragazzi corre inesorabilmente ad altre “Storie un po’ come quelle in altri campi artistici, per esempio del genovese Fabrizio De André e il suo amore per la Sardegna “Mi sento più contadino che musicista. Questo è il mio porto, il mio punto d’arrivo. Qui voglio vivere, diventare vecchio”, nonostante le sue disavventure con la moglie Dori Ghezzi che nel 1979 restarono prigionieri dei loro rapitori per ben centodiciassette giorni. Da quella esperienza il cantautore genovese seppe trarre e trasmettere una grande lezione, artistica e di vita.”

Ai nostri “quattro ‘A’-Mori Rossoblù”, titolo nato un po’ per gioco tra la parola Amore e il simbolo della Sardegna e del Cagliari Calcio, i 4 Mori, così come a tutti i giocatori del Cagliari Calcio, che hanno amato e si sono fatti amare dalla Sardegna, e dalla Città di Cagliari in particolare, e soprattutto a quelli che hanno scelto di rimanervi per sempre, non può che andare il più sincero ringraziamento per le tante emozioni che hanno saputo regalare all’isola sui campi di calcio, “rendendola invincibile come mai le era capitato nella sua storia” così come scrisse il giornalista cagliaritano Nanni Boi.

A si biri in paxi e cun saludi (traduzione dal sardo “Arrivederci in pace e con salute”)” termina la storia che avrà un continuo nel prossimo avvenire perché, ci scommetteremo, saranno altri giocatori ad essere inesorabilmente colpiti da quel “Mal di Sardegna”, l’ultimo della lunga lista è stato quel “Daniele Conti” figlio di Bruno, il Capitano, così come lo ricordano i tifosi cagliaritani.

A Milano in occasione dell’evento di chiusura de “Il Calciastorie” Vincenzo Manco, presidente Nazionale UISP ha dichiarato: “Con il CalciaStorie abbiamo raggiunto migliaia di giovani in tutta Italia, che hanno risposto con creatività ed entusiasmo. Il calcio può migliorare la convivenza civile e la vita quotidiana, combattendo le discriminazioni e il razzismo”.

Ed è stata effettivamente così, un'esperienza bella, positiva, educativa, condivisa con tanti alunni e coordinatori di tutta Italia il giorno della memoria a Milano in occasione dell'evento conclusivo finale.

UISP Cagliari attraverso la sua Lega Calcio ha così voluto peronare, col suo impegno nel coordinamento locale di questo progetto, la vita di Cagliari e della Sardegna inclinata ad un quotidiano SI ad ogni forma di inclusione e integrazione, noi cagliaritani l'abbiamo provato, è stato ed è ancora bellissimo. Proviamolo tutti perché è bellissimo. Per non dimenticare mai ...

La photogallery dell'evento di Milano UISP Cagliari - Liceo Dettori Cagliari:

Il video di presentazione di "Serie A Tim" dell'evento di Milano:

Il video della "UISP Nazionale" sull'evento finale:

Il video del "Liceo Giovanni Maria Dettori" sull'evento finale (l'intervento in sala degli studenti e della docente)

Alcune tra le immagini più significative di questo viaggio, che ci ha permesso di vedere e sperimentare gli aspetti migliori del calcio e dello sport (tra cui la toccante visita del memoriale della Shoah).

 

L'EVENTO INAUGURALE

Matteo Marani: “Quello che rimarrà di questa prima edizione del CalciaStorie è il valore dei lavori realizzati dai ragazzi che hanno costruito una storia, si sono misurati con un’avventura umana e hanno utilizzato vari mezzi di comunicazione. Il calcio ha fatto la sua parte, ognuno ci ha messo qualcosa, tutti sono stati partecipi, i giocatori e le Società. Questo significa che il calcio può avviare processi di emulazione non solo per i tatuaggi, ma anche per i valori”.

Laureato in storia, si occupa di sport, in particolare di calcio. Ha collaborato con testate nazionali come Il Messaggero, il Corriere dello Sport - Stadio e Il Sole 24 ORE, nonché con il programma televisivo Quelli che il calcio di Rai 2. Dal 2008 ad oggi è stato direttore del Guerin Sportivo. Oltre alla professione giornalistica, tiene corsi sul linguaggio del giornalismo alla IULM di Milano e all'Università di Bologna. Nel 2016 lascia la direzione del Guerin Sportivo per assumere la vicedirezione di Sky Sport.
Il suo libro del 2007 Dallo scudetto ad Auschwitz, dedicato alla figura allenatore ebreo-ungherese Árpád Weisz, ha vinto il premio per la letteratura sportiva di Chieti, nel 2009, e quello "Antonio Ghirelli", nel 2014. Ha inoltre ricevuto i riconoscimenti giornalistici USSI nel 1996, "Piero Dardanello" nel 2005 e "Beppe Viola" nel 2010. È stato inoltre curatore della mostra sulla storia della Nazionale di calcio dell'Italia organizzata dalla FIGC. 

  • Dallo scudetto ad Auschwitz: vita e morte di Arpad Weisz, allenatore ebreo, 1ª edizione, Roma; Reggio Emilia, Aliberti, 2007

 

 

IL PROGETTO

La pagina di Facebook dedicata all'intero progetto del Calciastorie di Cagliari

Il sito internet della 1°edizione del progetto Nazionale Il Calciastorie

La photogallery di alcuni momenti del progetto a Cagliari:

 

I LAVORI PRODOTTI DAI RAGAZZI PER IL PROGETTO

Titolo" I quattro A-Mori rossoblù"

Link video UISP Cagliari - Liceo Dettori Cagliari:

 

 

 

 

Link della storia scritta "UISP Cagliari - Liceo Dettori Cagliari":

 

 

 

 

 

Il sommario della storia:

  • Pag.3 PREMESSA
  • Pag. 4 LA CITTA’ DEL SOLE E DEL SALE
  • Pag. 7 OLTRE LA DISCRIMINAZIONE TERRITORIALE
  • Pag. 10 I LOVE SARDINIA
  • Pag. 13 IL MAL DI SARDEGNA DI GIUSEPPE TOMASINI
  • Pag. 18 LUIGI RIVA, ROMBO DI TUONO
  • Pag. 21 IL FALCO, LUÍS AIRTON OLIVEIRA BARROSO
  • Pag. 23 LA PANTERA, CARMELO DAVID SUAZO VELÁSQUEZ
  • Pag. 25 GENTE DI SARDEGNA

 

IL LICEO GIOVANNI MARIA DETTORI DI CAGLIARI

Il Dirigente Scolastico

  • Prof. Marcello Garbati

al quale va il ringraziamento principale per aver dimostrato sin dal principio la sensiilità e la capacità dirigenziale di credere nella bontà di questo progetto e soprattutto nella valenza educativa del CalciaStorie per i ragazzi della scuola che vi hanno partecipato.

Garbati ha testimoniato che “il progetto è stato accolto con molto interesse e si ricollega ad altre esperienze didattiche svolte in questi anni. La lotta alla discriminazione è sicuramente da trattare in ambito educativo e la scuola è in prima linea perché è un luogo di confronto delle diverse culture”. 

 

 

 

 

 

Il Corpo Docente impegnato, al quale vanno i ringraziamenti per aver sposato gli obiettivi del progetto e per l'impegno profuso alla sua riuscita:

  • Prof.ssa Maricilla Cappai
  • Prof.ssa Fatima Carta
  • Prof. Francesco Murtas
  • Prof.ssa Maria Lucia Sancassano

Lucia Sancassano, ha sostenuto che il progetto “affronta tematiche portanti del nostro sistema formativo e della nostra didattica quotidiana, in una fascia d’età importante per la crescita”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli alunni della classe 2° H: Cilloccu Alessia Margelli Francesca Matta Barbara Mulas Beatrice Perra Laura Pica Lisa Pinna Gioia Pitzus Emma Secci Letizia Serreli Elena Sorrentino Giulia Tomaselli Anna

Gli alunni della classe 1° F: Angius Benedetta Marisa Argiolas Anita Atzeni Margherita Bernard Nicolò Berti Alba Cadeddu Chiara Cannas Giulia Casu Alessia Contini Francesco Contu Antonio Mariano Corona Isabella Desogus Noemi Ferreli Gioia Maccioni Laura Marcialis Marco Mirasola Ludovica Sveva Monni Federica Mura Valeria Rebecca Letizia Pinna Margherita Flavia Recasens Matteo Scioni Ilaria Spanu Lorenzo Zedda Giulia Zucca Eleonora

 

IL TESTIMONAIL DEL CAGLIARI CALCIO

 LA PANTERA, CARMELO DAVID SUAZO VELÁSQUEZ (Protagonista di una delle quattro storie rossoblù)

 

 

 

 

LO STAFF DEL CALCIASTORIE DI CAGLIARI

Un bel gruppo che con passione e dedizione ha coordinato e gestito l'intero progetto locale del Calciastorie:

  • Coordinatore del progetto locale - Pietro Casu
  • Pedagogista – Prof.ssa Ilenia Barca
  • Responsabile rapporti con la Scuola – Antonio Moi
  • Responsabile della Comunicazione – Barca Jaime
  • Responsabile dell’Immagine e della Comunicazione – Franceschi Riccardo
  • Responsabile rapporti col Cagliari Calcio – Maura Corda
  • Responsabile rapporti col I.P.M. di Quartucciu – Gianluca Frailis
  • Istruttrici – Valentina Ambu e Roberta Broccia

Pietro Casu coordinatore locale del progetto “Il CalciaStorie” ha dichiarato: “La presenza di molti giovani mi rende ottimista per il futuro, perché hanno parlato di tanti valori positivi, come l’integrazione, l’ accoglienza e l’impegno contro ogni forma di discriminazione e razzismo. Il calcio è stato solo il viatico per comprendere che le differenze tra le persone ti arricchiscono e ti liberano, siano esse di sesso, di nazionalità, di religione o di cultura”.

Un ringraziamento va anche al presidente del Comitato UISP di Cagliari, Lorenzo Durzu, che ha creduto assieme allo staff sulla riuscita del progetto e sulla valenza educativa dello stesso per i ragazzi del Liceo Giovanni Maria Dettori.

 

 

IL DIETRO LE QUINTE DEL PROGETTO NAZIONALE

  • Carlo Balestri, Responsabile delle "POLITICHE INTERNAZIONALI, COOPERAZIONE E INTERCULTURALITÀ"
  • Daniela Conti, coordinatrice delle iniziative delle "POLITICHE INTERNAZIONALI, COOPERAZIONE E INTERCULTURALITÀ"
  • Layla Mousa

 
Daniela Conti, Coordinatrice nazionale del progetto Uisp, ha sottolineato come questo “sia stato immaginato come una serie di racconti sull’antirazzismo, basati sulla storia realmente vissuta”. “Se non c’è storia non c’è memoria” - ha aggiunto Conti.



 

Per il Comitato UISP:

Per il Comitato UISP e le ASD:

 

Comitato Territoriale Cagliari

Viale Trieste, 69
09123 Cagliari (CA)
Tel: 070/659754 - Fax: 070/7344749
e-mail: cagliari@uisp.it
C.F.: 92012120926

 

Partnership

BANDI

PAGINA WEB DELEGAZIONE SULCIS IGLESIENTE

SERVIZI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE AFFILIATE UISP

PIATTAFORMA WEB SERVIZI ALLE ASD UISP

Servizi UISP per le Assiciazioni e le Società Sportive affiliate

MARSH-UISP: SOLUZIONI ASSICURATIV/DENUNCE SINISTRI

MARSH UISP: SOLUZIONI ASSICURATIVE E DENUNCE SINISTRI

Informazioni, Soluzioni Assicurative Marsh varie, Denuncia sinistri

SPORT.ELLO CONSULENZE ALLE ASD E AI SOCI

Sportello Consulenze alle Associazioni e ai Soci UISP

Informazione e Assistenza Gratuita