Struttura di Attività Nazionale

Discipline Orientali

Daito Ryu Aikijujutsu - intro

Kondo Katsuyuki

Il Daito Ryu Aikijujutsu è un'arte marziale tradizionale giapponese trasmessa per generazioni all'interno della famiglia Takeda, e divulgata al pubblico da Takeda Sokaku a partire dalla fine del 19° secolo. La linea principale di questa tradizione è stata ereditata dal figlio di Sokaku, Takeda Tokimune, che poi la passò a Kondo Katsuyuki, l'unica persona ad aver ricevuto direttamente dal Maestro Tokimune il Menkyo Kaiden (licenza di completa conoscenza e trasmissione), che è il più alto riconoscimento ottenibile nel Daito Ryu Aikijujutsu. Oggi il maestro Kondo Katsuyuki è il Diretore del Quartier Generale del Daito Ryu Aikijujutsu e grazie a lui molte nazioni in tutto il mondo hanno potuto scoprire la bellezza e il fascino di questa antica tradizione.

Il Daito Ryu Aikijujutsu è un patrimonio culturale della classe guerriera giapponese con una lunga storia e tradizione. E’ stato sviluppato come un mezzo di autodifesa contro la violenza non provocata, con il fine ultimo di neutralizzare la violenza, non di causarla. Questo è uno dei motivi per cui il Daito Ryu si basa sull'utilizzo di forme (kata) per allenarsi nell'arte, ma non include alcun tipo di competizione ufficiale. Inoltre, il Daito Ryu va oltre la semplice autodifesa, e offre il modo per temprare il proprio corpo e spirito, con l'obiettivo di sviluppare il carattere personale e contribuendo al bene sociale.

Per maggiori informazioni sulle scuole riconosciute, visitate anche il sito www.daitoryu.it

Campionato Nazionale di Judo 2018
Campionato Nazionale di Karate 2018
Campionato Nazionale Judo 2017
Campionato Nazionale di Karate 2017
Campionato Nazionale Judo 2016
Campionato Nazionale Karate 2016
Stage Tecnico/Agonistico di Judo 2018
GTS (Gruppo Tecnici Shotokan)

Sabato 17 giugno 2017 a San Lazzaro (BO) si è tenuto il 3° appuntamento del GTS UISP. E' stata l'occasione per rivedere i programmi di kyhon d'esame DAN, il Kumite "formale" e il M° Caprioli ha proseguito lo studio dei Kata con Bassai Dai e Enpi. I Tecnici hanno avuto modo di confrontarsi su alcuni temi didattici e tecnici. Biavati ha presentato il modulo (sperimentale) per la rilevazione dello status dei candiati all'esame. L'idea è quella di esaminare all'inizio e a metà dell'anno il cadidato, per segnalare le lacune e aiutarlo nel recupero.