Comitato Territoriale

Imola Faenza

IL LACROSSE A IMOLA

Le prime attività di lacrosse a Imola si hanno nell’ottobre 2013, con l’ingresso di tre ragazzi imolesi nelle fila della squadra di lacrosse di Bologna. Quando il ruolo di Capo allenatore del Bologna Lacrosse viene affidato ad un imolese, nel gruppo nasce la volontà di sviluppare un team nella città di Imola.
A maggio 2016 iniziano così le prime dimostrazioni aperte di lacrosse. A questo periodo si riconduce anche l’organizzazione e la gestione del torneo amichevole di lacrosse all’interno dei Mondiali antirazzisti, festival sportivo e musicale svolto nella provincia modenese che raccoglie oltre 8.000 presenze giornaliere.
La scelta di rivolgersi a Uisp per ufficializzare le attività diventa naturale, visto il continuo impegno da parte di entrambe le parti per la costruzione di una attività sportiva per tutti, con una forte coscienza etica. Da ottobre viene ufficialmente aperto il settore Lacrosse all’interno della SSD Sport Up, società polisportiva imolese che conta oltre 2500 tesserati e che gestisce le attività dirette del comitato territoriale di Imola e Faenza della Uisp
Nel gennaio 2017, viene confermata la partecipazione della squadra femminile al Campionato italiano, contemporaneamente la squadra maschile gioca la prima partita con una formazione composta interamente da atleti cresciuti all’interno del “Progetto Imola Lacrosse”.
Alla conclusione della stagione, la squadra maschile dei Red Hawks Merate Lacrosse richiede alla Sport Up Imola Lacrosse un prestito di quattro dei propri tesserati per partecipare alla Coppa Italia, sottolineando una crescita anche dal punto di vista agonistico. A sorpresa, proprio questa formazione si impone nel torneo, anche grazie alle prestazioni degli atleti imolesi.
Nel corso del 2018 quattro atleti del settore maschile ricevono la convocazione per far parte della selezione nazionale di sviluppo per una sfida contro la Nazionale. Le ottime prestazioni degli imolesi hanno contribuito alla vittoria netta della nazionale sperimentale, mentre la squadra femminile continua la partecipazione al Campionato nazionale e la selezione maschile partecipa al Campionato di Seconda divisione (La serie B del Lacrosse Italiano).
A conclusione della stagione, l’organizzazione della finale del campionato maschile di seconda divisione è stata affidata alla società imolese in virtù delle sue abilità gestionali dimostrate durante gli eventi ospitati nell’anno. In quest’occasione Imola, alla prima partecipazione, vince la finale e si laurea Campione nazionale di Seconda divisione.
Nel 2019 alle attività delle prime squadre, iscritte e partecipanti ai massimi campionati nazionali, vengono affiancate sia le prime attività giovanili (aperte per i ragazzi e le ragazze dai 7 ai 14 anni), sia una costante collaborazione con gli istituti superiori di Imola nelle ore di lezione per la promozione dello sport.
Due delle ragazze imolesi sono arrivate fino alla fase finale del lungo percorso per le selezioni per la Nazionale italiana in vista degli Europei che si sono tenuti a Tel Aviv nel luglio 2019, percorso culminato con la convocazione di Elena Malavolti, diventando così, ad appena 15 anni, la più giovane atleta di una nazionale.
Anche nel fronte maschile un importante riconoscimento è arrivato con la convocazione di un atleta nella Nazionale per la partecipazione alla Lisboa Lacrosse Cup, mentre sono 8 gli atleti che concorrono per un posto nella selezione per gli europei 2020.
Ad oggi sono circa 40 gli atleti che praticano il lacrosse nella squadra di Imola, con cifre che crescono costantemente anno dopo anno. La squadra femminile chiude al terzo posto il Campionato nazionale, risultato confermato in Coppa Italia, la squadra maschile invece ottiene un quinto posto nel Campionato, arrivando però sorprendentemente al secondo posto in Coppa Italia.
(Samuele Fiaschetti)

A fronte del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 18 ottobre, l'attività del complesso sportivo "Enrico Gualandi" procede secondo le disposizioni di sicurezza adottate fin dalla riapertura di giugno dopo il lockdown. Rilanciamo la nota della Uisp nazionale con le precisazioni sulle competizioni e sugli eventi sportivi consentiti