Comitato Territoriale

Roma

Lo sport sociale #WithRefugees per la Giornata mondiale del Rifugiato

Sabato 20 giugno dalle 11 diretta promossa da Uisp, Unhcr e Unar sull'inclusione attraverso lo sport, contro pregiudizi e discriminazioni razziali

 

Il 20 giugno si celebra la Giornata mondiale del rifugiato e Uisp, Unhcr e Unar realizzeranno una diretta dalle 11 alle 13 sulle rispettive pagine Facebook nazionali e sul canale You Tube Uisp Nazionale. La Giornata è un appuntamento annuale sancito dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di oltre 70 milioni di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati nel mondo che, costretti a fuggire da guerre e persecuzioni, lasciano i propri affetti, la propria casa e tutto ciò che un tempo era la loro vita per cercare salvezza altrove.

Interverranno Simone Menichetti, segretario generale Uisp Roma, e Alberto Urbinati, presidente Liberi Nantes, squadra di calcio composta da rifugiati e richiedenti asilo, affiliata all’Uisp Roma.

L’Uisp collabora con Unhcr e Unar nell’inclusione delle persone migranti attraverso lo sport, per favorire una cultura dell’accoglienza e dell’interculturalità, per combattere ogni pregiudizio e discriminazione razziale. Da tanti anni l'Almanacco delle iniziative antirazziste Uisp rappresenta un esempio di questa lunga storia: sono ormai decine le iniziative sportive e sociali che l'Uisp organizza ogni anno in molte città italiane dove l'attività è continuativa e dura tutto l'anno, con ragazzi rifugiati e richiedenti asilo che danno vita a squadre di calcio e altri sport, insieme a dirigenti e volontari Uisp. In questo contesto, i Mondiali Antirazzisti Uisp hanno rappresentato una buona pratica che si è diffusa e radicata sul territorio: attività sportiva come strumento di relazioni, amicizia, inclusione, dialogo, interculturalità. Lo sport è un linguaggio universale che unisce e permette di conoscersi andando oltre le origini, le religioni, la cultura, ma costruendo una nuova realtà fatta di scambio e partecipazione.

Anche quest’anno, nonostante la Giornata del rifugiato cada in un momento critico per l’umanità, segnato dalla pandemia da Covid-19 e dal protrarsi dei conflitti in tutto il mondo che aggravano l’attuale crisi umanitaria, Uisp, Unar e Unhcr si fanno portatrici di un messaggio di accoglienza e amicizia attraverso un incontro live, che verrà trasmesso sulle pagine Facebook di Uisp Nazionale, Unhcr Italia e Unar ed anche sul sito www.uisp.it e sul canale YouTube dell’Uisp nazionale.

L’appuntamento è per sabato 20 giugno, dalle 11 alle 13, interverranno: Carlotta Sami, portavoce UNHCR – Italia; Triantafillos Loukarelis, direttore Unar; Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp; Alessandra Morelli, rappresentante Unhcr in Niger; Carlo Balestri, responsabile politiche internazionali Uisp, Luca Cardinalini, giornalista Rai. Inoltre, verranno presentate esperienze e buone pratiche di inclusione attraverso lo sport sul territorio, con collegamenti in diretta da varie città. Si partirà con Francesco Squarotti, di Sassari responsabile del Gus-Gruppo Umana Solidarietà e coordinatore del progetto Sparar Siproimi (Sistema Protezione Internazionale e Minori non accompagnati) al quale collabora anche Uisp Sassari con le attività di socializzazione attraverso lo sport. Si proseguirà con Simone Menichetti, segretario generale Uisp Roma e con Alberto Urbinati, presidente Liberi Nantes, squadra di calcio composta da rifugiati e richiedenti asilo, affiliata all’Uisp Roma, che da anni permette a tanti giovani di incontrarsi, giocare, crescere partendo da un campetto di periferia. Si proseguirà con Uisp Matera e Giuseppe De Ruggeri che si collegherà da Serra Marina (Matera) dove si svolgono attività con ragazzi rifugiati e richiedenti asilo. Poi ci sposteremo a Firenze e verrà presentata la storia di Sow Ousmane, 19 anni, della Guinea che attraverso lo sport si è integrato lavorativamente presso l’impianto La Trave, gestitito da Uisp Firenze. Da Enna saranno in collegamento Ramona Murgano, presidente del Comitato Uisp di Enna che, insieme allo psicologo Christian Tinebra, presenterà la storia di Momo, ragazzo di 19 anni dello Zambia, da tre nel nostro Paese, integrato nella cooperativa Ippocrate, che gestisce il campo di accoglienza della città. Chiuderà la serie dei collegamenti Uisp Torino, con Luca Dalvit, responsabile dei progetti sociali e di calcio dell’Uisp Torino. Con lui ci sarà anche Aboudala Dembele, un ragazzo che ha creato la squadra del Mali che partecipa ai Campionati Uisp Torino. Insieme presenteranno Balon Mundial, la Coppa del Mondo delle comunità migranti di Torino e Football Communities, progetto per promuovere lo sport inclusivo.

L'incontro si concluderà con la trasmissione del film Riace, realizzato dall'Uisp nazionale in occasione dei Mondiali Antirazzisti 2019. Il film sarà presentato dalla regista Francesca Spanò. 

GUARDA IL TRAILER DEL FILM RIACE

 

Assicurazione Marsh - UISP

Servizi per le Associazioni e le Società Sportive

Impianto Sportivo Fulvio Bernardini

Uispress

Pagine UISP

Selezione Stampa