Comitato Territoriale

Roma

Quasi un anno dopo: c'è una cosa buona che è venuta fuori dalla pandemia?

Dopo un anno dall’inizio della pandemia facciamo un bilancio di cosa ci lascia questo periodo.

 

L’arrivo di questa pandemia ci ha messo di fronte alla necessità di accelerare una riorganizzazione del mondo del lavoro e anche dell’attività fisica. Ovviamente nulla può sostituire lo sport fatto tutti insieme, il contatto fisico e gli abbracci a fine partita, ma sicuramente questo periodo ci sta insegnando a come ripensare le nostre attività portandole all’aria aperta, delocalizzandole attraverso l’uso di piattaforme online nelle nostre case. E’ anche l’occasione per ripensare totalmente all’organizzazione del lavoro dei nostri comitati e asd.

In attesa di poter riaprire le porte dei nostri impianti, cerchiamo di riflettere su quanto abbiamo imparato e cosa di “positivo” ci può portare questo periodo, cercando di trasformare gli ostacoli in occasioni di apprendimento

Anche Mogens Kirkeby presidente di ISCA si è interrogato su questo aspetto. L’International Sport and Culture Association è una rete nazionale che associa oltre 100 organizzazioni in tutto il mondo con cui UISP coopera da oltre 20 anni e il cui principale tema di interesse è il rapporto tra attività fisica e salute.

Di seguito presentiamo l’intervento di Mogens Kirkeby:

Alcune persone dicono che le crisi possono diventare opportunità in grado di innescare trasformazione e rinnovamento. Abbiamo prove di questo in eventi del passato, preferisco partire da quanto sta accadendo attualmente con il Covid-19.

Un anno di Covid-19 ha influenzato il nostro settore in molti modi e la mia valutazione è che la maggior parte degli effetti sono purtroppo gravi. Forse con una sola luce positiva che brilla nell'oscurità.

Tutti abbiamo sperimentato in prima persona alcune delle conseguenze. E credo che l'elenco potrebbe essere anche più lungo di questo:

  • Un calo della partecipazione sportiva e dell'attività fisica ricreativa
  • Gravi problemi per educatori sportivi e associazioni sportive
  • L'attività fisica e lo sport perdono la loro posizione nelle agende personali e politiche, scivolando all’ultimo posto e non trovando sufficiente spazio nel dibattito
  • Il fattore di paura che si insinua nelle attività sociali e condiziona anche quelle sportive
  • Una riduzione del reddito che porta a una minore partecipazione sportiva della comunità

Ora, torniamo alla ricerca della luce nell'oscurità e almeno una cosa buona che potrebbe venire fuori dalla pandemia di Covid-19.

LEGGI L'ARTICOLO ORIGINALE 

È diventato evidente per gran parte della popolazione che la prevenzione sanitaria è una questione e una responsabilità personale/privata. Nonostante il fatto che l'attenzione principale sia stata posta principalmente su come evitare di contrarre il virus, in alcuni paesi parte della discussione si è rivolta al tema della vulnerabilità fisica e al modo in cui avere un sistema immunitario “adatto” possa essere un vantaggio.

Detto questo, penso che la maggior parte delle persone sia stata lasciata da sola a cercare di tradurre questa idea in azione - non ho visto le autorità pubbliche aiutare molto. Non è stato comunicato con forza che l'attività fisica è uno dei modi più efficienti ed economici per migliorare la forma fisica e il benessere e può aiutare a rafforzare il sistema immunitario.

Quindi questa potrebbe essere la nostra opportunità per aumentare la consapevolezza dell'attività fisica come potenziatore del sistema immunitario dopo Covid-19. Il settore privato e le organizzazioni della società civile potrebbero comunicare le loro offerte con maggiore portata utilizzando questo angolo. E forse creare una migliore comprensione e interesse nell'utilizzo degli effetti positivi dello sport e dell'attività fisica ricreativa potrebbe essere una luce splendente sull'altro lato della pandemia!

GUARDA IL VIDEO IN INGLESE

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

Dato il protrarsi dell'emergenza sanitaria Covid-19, l'accesso alla sede di viale Giotto 16 sarà consentito soltanto su appuntamento.

Gli uffici riceveranno dalle ore 9:30 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 16:00.

Per fissare un appuntamento è possibile contattare la nostra segreteria chiamando il numero 065758395, oppure scrivendo alla mail istituzionale roma@uisp.it.

 

Assicurazione Marsh - UISP

Piattaforma di Servizi per ASD e SSD

Impianto Sportivo Fulvio Bernardini

Uispress

Pagine UISP

Selezione Stampa