Comitato Territoriale

Roma

"Filo spinato", lo spettacolo che lotta contro il razzismo con la danza

"Il diritto al movimento tagliando stereotipi e confini” è l'evento organizzato da Uisp Roma in collaborazione con Unar, andato in scena domenica 30 maggio

 

Lo sport, come lotta contro le discriminazioni. Lo sport, come mezzo di inclusione e partecipazione sociale. Lo sport, come grido alle diffidenze. Questo, il senso dell’evento Uisp Roma “Filo Spinato. Il diritto al movimento tagliando stereotipi e confini”, che ha messo al centro la danza, la recitazione e lo sport come veicolo di messaggi positivi e inclusivi. Lo spettacolo teatrale è andato in scena a Frascati, nello spazio teatro Faber, domenica 30 maggio alle 18. L’evento ha visto il ritorno del pubblico, entrato unicamente con invito per rispettare le normative vigenti. Per permettere a tutti la visione, è stato trasmesso online ed è tuttora visibile su Facebook. Il progetto dell'Uisp Roma ha visto la collaborazione dell’Unar-Ufficio nazionale contro le discriminazioni razziali, che ha promosso anche quest’anno la XVII settimana d’azione contro il razzismo.

GUARDA LO SPETTACOLO

Sono stati 38 i progetti presentati dalle associazioni per questa occasione. In particolare, quest’anno, l’evento si è caricato di significati ulteriori: la voglia di riprendere le attività; di riscoprire l’arte e il settore della cultura; di ripartire dopo un anno di pausa in cui eventi e manifestazioni sono finiti in stand by. Nello specifico, il motto che ha guidato tutte le iniziative di questa particolare settimana è stato: Keep racism out”. Ovvero, teniamo fuori il razzismo da tutte le realtà sportive.

LEGGI LA RIVISTA

Il progetto dell’Uisp Roma parte dall’evocativa immagine del filo spinato, uno strumento usato per dividere materialmente le persone che diviene facile metafora di separazione, distanza e paura dell’altro. Il filo spinato è presente dentro di noi ogni qualvolta ci serviamo di stereotipi e preconcetti per allontanare gli altri.“L’idea nasce dal filo spinato, un filo di ferro che è un’ossessione e che si ripropone nelle situazioni in cui c’è da reprimere qualcosa e qualcuno - ha raccontato Fabrizio Federici, responsabile nazionale danza Uisp - I fili spinati sono anche quelli invisibili, con i quali conviviamo durante le nostre giornate. E allora, prendiamo i fili spinati e tentiamo di romperli, raccontiamoli. Nel racconto c’è la conoscenza dell’altro”, spiega Federici.

E sono stati proprio i fili spinati i protagonisti sul palco, a sipario aperto, in primo piano, non hanno mai lasciato la scena. Alle spalle, il corpo di ballo ha incarnato la “diversità” con passi semplici ma incisivi. Uno spettacolo che ha unito racconti, danza, musica, arte e sport. Ma ha anche indotto alla riflessione e al pensiero. Proprio lo sport ha il potere, l’onere e l’onore di raccontare, agendo da catalizzatore sociale per temi forti nel dibattito pubblico che non possono essere dimenticati. Così, se il filo spinato separa e divide, lo sport può riunire e ricomporre.

Ed è proprio nel suo passato, nelle sue memorie più intime, che Federici ha trovato ispirazione per l’evento. “L’idea nasce da una mia immagine adolescenziale, quando i miei genitori mi hanno portato in vacanza e abbiamo visitato il campo di concentramento di Mauthausen. L’immagine di questa fortezza con muri importanti e una vista infinita di fil di ferro è rimasta sempre nella mia memoria. Crescendo l’ho ritrovato in altre occasioni e quindi questa immagine dei fili spinati come separazione mi sembrava proprio l’ideale per dare il titolo a questo importante progetto".

Non separazione, ma inclusione; non paura dell’altro, ma accettazione dell’altro; non conflitto, ma cooperazione. Il filo spinato rappresenta tutti i disvalori che l’Uisp contrasta. E, ancora una volta, lo strumento più efficace è la creatività, l’arte, il movimento del corpo. Come ha spiegato Daniela Conti, responsabile delle Politiche dell’interculturalità e della cooperazione Uisp: "Lo sport per tutti è quello che abbatte le distanze. Un linguaggio non verbale che non ha bisogno di traduzioni. Ma che arriva proprio lì, dove c’è bisogno". (C.F.)

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

PRENDE IL VIA LA NUOVA STAGIONE SPORTIVA 2022/2023

Sul sito della Uisp Roma nella sezione Tesseramento e Servizi ai Soci è disponibile la modulistica necessaria per l'adesione delle associazioni e società sportive, per il tesseramento dei soci e l'iscrizione al registro delle ASD/SSD.

E' sempre attiva la Piattaforma di Servizi Uisp dedicata alle ASD/SSD con tutte le info utili per la gestione della tua associazione e con tutti gli aggiornamenti sull'attuale emergenza sanitaria;
 
La nostra sede di viale Giotto 16 riceverà ancora su appuntamento, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 17:30.
 
Per fissare un appuntamento è possibile chiamare 065758395, oppure scrivere all'indirizzo mail roma@uisp.it.
 
Sta partendo una nuova stagione sportiva. Vivila con noi!

Assicurazione Marsh - UISP

Piattaforma di Servizi per ASD e SSD

Impianto Sportivo Fulvio Bernardini

Formazione

Uispress

Pagine UISP