Comitato Territoriale

Roma

Verso la ripresa: comunicare e gestire la ripartenza

Terzo appuntamento con #UispRomaTv. Insieme a Valentina Magris, psicologa e neuropsicologa, ci siamo interrogati sull’impatto sociale della pandemia.

 

La pandemia ha colpito la cultura sportiva e ha provocato ricadute sulle persone che hanno smesso di fare attività fisica. Con Valentina Magris, psicologa e neuropsicologa, laureata in neuroscienze e neuroriabilitazione psicologica, si è affrontato questo tema esaminando due aspetti di particolare rilievo: quali strumenti dare agli istruttori per fronteggiare questo momento e come ricostruire lo sport nel senso di benessere personale dopo le diverse interruzioni che sono avvenute.

GUARDA IL VIDEO INTEGRALE

Gli aspetti sociali della ripartenza sono stati ampiamente trascurati in questo anno. Molte persone provano ancora paura a riprendere l’allenamento dopo questo periodo, altre invece hanno paura di fare attività di nuovo in gruppo. “Nell’ambito sportivo – esordisce Valentina – la paura ha una vibrazione. La paura genera cortisolo, un ormone dello stress che fa da antagonista a livello muscolare e di muscoli-nervi. La paura in questa pandemia produce un effetto negativo che si va a sommare a allo stress dovuto alla lunga inattività”.

Come si può riacquistare la volontà di allenarsi per stare bene? Nel momento in cui si è da soli, molte volte tendiamo a tradire noi stessi. Importante per questo è trovare compagnia nello svolgere attività fisica. “Quando sai che devi andare a correre con una persona – spiega Valentina - subentra l’idea del non tradirla. Bisogna trovare qualcuno con cui fare questa sfida e fare uno il grillo parlante dell’altro. Il cervello per credere che tu stia facendo questa impresa, ha bisogno di vedere con gli occhi un’altra persona che lo faccia”.

Di fondamentale importanza è anche ritrovare l’aspetto ludico nella ripartenza della pratica sportiva. “Anche negli sport individuali bisogna ricreare la condivisione. Ritrovare un’inclusione anche tra squadre, mischiando i vari team. Fare in modo – conclude Valentina - che questo lockdown possa dare delle soluzioni in merito e aiuti a creare interconnessioni fra persone e non fra semplici numeri. Prendere questo lockdown come emblema della separazione e demistificare questa separazione, facendo capire che non è che sei contro una persona ma sei insieme a quella persona per quello obiettivo”.

E non scoraggiarsi anche se, all'apparenza, nel momento di ripartire sembriamo diversi nell'approcciarsi all'attività: "ripetere e ripetere l'esercizio, il proprio movimento, anche se questo non somiglia più a quello di un anno fa. Altrimenti il rischio è quello di un avvio supportato dall'entusiasmo e un abbandono precoce".

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE

Dato il protrarsi dell'emergenza sanitaria Covid-19, l'accesso alla sede di viale Giotto 16 sarà consentito soltanto su appuntamento.

Gli uffici riceveranno dalle ore 9:30 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 16:00.

Per fissare un appuntamento è possibile contattare la nostra segreteria chiamando il numero 065758395, oppure scrivendo alla mail istituzionale roma@uisp.it.

 

Assicurazione Marsh - UISP

Piattaforma di Servizi per ASD e SSD

Impianto Sportivo Fulvio Bernardini

Uispress

Pagine UISP

Selezione Stampa