Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Un altro premio per La prima volta

Al Festival dello sport integrato di Courmayeur, il documentario La prima volta è stato premiato, sabato 16 dicembre, come “Miglior opera in concorso”

di Francesco Mazzanti

BOLOGNA – "Per la capacità di coniugare una modalità di narrazione originale con una tematica altrettanto insolita nonché inesplorata come quella del carcere minorile. Il risultato finale è un'opera sentita, reale, che trasmette chiaramente le emozioni, i sogni, le aspettative di questi ragazzi, pronti ad accogliere la vita che li aspetterà fuori dalle mura del penitenziario". Questa la motivazione con cui il 16 dicembre, a Courmayeur (Valle d’Aosta), “La prima volta” si è aggiudicato il premio come Miglior opera in concorso al Festival nazionale dello sport integrato e del cinema di inclusione.

Il documentario è patrocinato dal Comune di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna e oltre a rappresentare l’esordio allea regia per Roberto Cannavò, è il primo film prodotto dalla Uisp Emilia-Romagna, attiva all’interno del carcere minorile bolognese da più di dieci anni. È proprio questa presenza che ha permesso di raccontare le storie di Kamal, Abdoul, Faki e Simone: "nuovi italiani" che hanno vissuto ambienti ed esperienze complicati. "La prima volta" racconta le loro vite, il non detto sui reati, il percorso a spirale che li ha portati al primo crimine, alla reclusione, al tentativo di recupero che li vede altalenare tra modi duri, convinzioni da adulti e una profonda immaturità. Con loro, coprotagonisti, i nuovi riferimenti delle loro vite: il personale del carceregli operatori.

Oltre alle storie dal carcere minorile di Bologna al concorso hanno partecipato vari cortometraggi che offrono uno sguardo interessante sulle tematiche dell’inclusione ed dell’integrazione in ambito sportivo e non solo. Il cortometraggio "Marco Dolfin. Il chirurgo da podio" di Gaia Altissimo e di Francesca Giusto ha raccontato la storia di un medico chirurgo che continua a operare sulla carrozzina dopo un grave incidente in moto. E anche il video musicale "Stormo" composto dagli studenti che promuove l’uguaglianza dei diritti e che richiama all’universalità dei sentimenti.

Il Festival, un concorso di cortometraggi e documentari, è giunto alla sua quinta edizione, ed è ideato e sostenuto dal Csen (Centro sportivo educativo nazionale) e da Antenne Handicap VDA Onlus, un’associazione che ha tra gli obiettivi il miglioramento dell’accesso alla pratica sportiva delle persone con disabilità.

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp