Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Lo sport contro ogni forma di razzismo

La posizione della Uisp Emilia-Romagna, a supporto dell’inclusione dopo i preoccupanti fatti di Macerata
di Roberto Terra
Coordinatore Politiche di intercultura Uisp Emilia-Romagna

BOLOGNA – Alla luce degli eventi di Macerata anche la Uisp Emilia-Romagna intende far sentire la propria voce, prima di tutto per esprimere piena solidarietà a chi ha subito questo barbaro atto terroristico e intimidatorio. Le vittime di questo vile atto sono passate quasi inosservate ed è prima di tutto a loro che ci rivolgiamo per esprimere piena solidarietà e vicinanza. È drammatico e pericoloso quanto avvenuto e le reazioni della politica, che continuano ad ascrivere tutto al gesto isolato di un folle, ci lasciano ancora più sgomenti.

Siamo di fronte all’escalation della violenza fascista in tutta Italia ma si continua a parlare di immigrazione incontrollata e di bomba sociale, amplificando e i numeri del fenomeno a sostegno di una visione allarmante. È la speculazione elettorale che continua a trascinare questo Paese nella paura e nell’insicurezza.

Macerata purtroppo segna un punto di non ritorno rispetto al dilagare del razzismo e del fascismo nel nostro Paese e ci chiama, ancora una volta, a prendere una posizione ferma e decisa per affrontare questa deriva xenofoba. Lo faremo con gli strumenti dello sport, dell’uguaglianza, della solidarietà, dell’accoglienza e della multiculturalità, come da sempre fa la Uisp in Emilia-Romagna e in Italia. E ne daremo ulteriore prova già sabato 10 febbraio, insieme a quanti prenderanno parte a Macerata alla manifestazione di solidarietà con le vittime di questo brutale attacco. Una manifestazione che ci auguriamo possa essere partecipatissima, per ribadire tutti insieme che il razzismo è un male che va combattuto e debellato.

Porteremo la nostra solidarietà, in prima persona, ai ragazzi e alle ragazze del Gruppo Umana Solidarietà (GUS), di cui fanno parte alcune delle vittime dell’attentato di sabato scorso e che da anni partecipano, qui in Emilia-Romagna, ai Mondiali Antirazzisti. E non vediamo l’ora di riabbracciarli, insieme a tutto il popolo della Uisp.

La nostra associazione continuerà con le sue pratiche quotidiane a promuovere  l’inclusione e l’antirazzismo, come riaffermato nel nostro statuto nazionale, di recente modificato per ribadire quanto poteva sembrare scontato – ovvero l’opposizione a ogni forma di razzismo e fascismo – in risposta al ritorno di tali escrescenze nel nostro Paese. Ripartiremo ancora una volta dal nostro territorio, che vede, in questo momento, un’avanzata della xenofobia e del razzismo sempre più esplicito che non può farci dormire sonni tranquilli. Contro questo clima saremo in prima linea. Perché lo sport è uno dei più forti strumenti per abbattere i pregiudizi e la paura. Siamo chiamati anche noi a fare la nostra parte, e la faremo.

FuoriArea.Net

Briciole di Pollicino: la formazione Uisp

Differenze in Gioco

Progetto Cuore

Progetto Assieme

Questionario soci Uisp

Questionario soci Uisp