Comitato Regionale

Emilia-Romagna

Un successo per sport e ambiente

Sport e sostenibilità: quasi tremila atleti alla maratona di Reggio Emilia incitati dal pubblico numeroso. A vincere sono stati il biellese Francesco Bona e l'atleta olimpica Catherine Bertone

Entusiasmo degli atleti alla partenza della 21 maratona di Reggio Emiliadi Ilaria Cumali 

 

REGGIO EMILIA - Il freddo pungente, l'umidità e la nebbia non hanno fermato gli atleti che domenica 11 dicembre hanno partecipato alla ventunesima edizione della maratona Città del Tricolore a Reggio Emilia. Un'organizzazione solida, 400 volontari instancabili, 42 km per i 2850 iscritti di 22 nazionalità diverse hanno contribuito al successo della storica corsa. A trionfare nella gara maschile è stato Francesco Bona, biellese e atleta dell'aeronautica, con un tempo di 2:14:59. L'oro femminile è andato a Catherine Bertone, che di ritorno da Rio 2016 si è aggiudicata la gara con un tempo di 2:37:10.

"La maratona - ha detto Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia - è ormai una realtà consolidata e rappresenta un indotto per la città non solo a livello sportivo". L'edizione 2017 ha confermato gli importanti numeri degli anni passati e ha visto una grande partecipazione cittadina. Al percorso classico, quest'anno, è stata aggiunta una piccola deviazione in Piazza della Vittoria, cuore pulsante del centro storico e finalmente riaperta dopo molti anni di cantiere, che ha permesso una vera e propria immersione nella città.

Francesco Bona, classe 1983, biellese e atleta dell'Areonautica italianaIl vincitore dell'oro maschile, Francesco Bona, ha eguagliato il suo precedente record e ha confessato che nonostante sperasse di abbassare il proprio tempo personale si sente soddisfatto della vittoria in questo "percorso bello ma non facile". Nessun nuovo record nemmeno per la regina della corsa, Catherine Bertone, che ha confermato il suo tempo e la partecipazione al prossimo anno.

Catherine Bertone, classe 1972 e atleta olimpica. Ha partecipato a Rio 2016Grande successo e soddisfazione anche per la Coop Run for Charity che si è svolta parallelamente alla corsa ufficiale. La camminata solidale ha registrato 750 iscritti che hanno contribuito alla raccolta fondi per sette Onlus del territorio.

La gara podistica di Reggio Emilia è diventata un appuntamento imperdibile per migliaia di persone che ogni anno si recano nella città emiliana. Un evento in cui a vincere non è solo lo sport ma anche l'impegno dell'organizzazione a svolgere una manifestazione sostenibile dal punto di vista ambientale. 

Uisp-a-mente

FuoriArea.Net

La Uisp in tasca

Progetto Cuore