Comitato Territoriale

Torino

UISP PIEMONTE | SPORT POPOLARI A RISCHIO

Un grazie particolare tutti gli organi di informazione che dal 22 febbraio ci aiutano a tenere viva l'attenzione sui problemi e sull’importanza della pratica sportiva per tutti.

Uisp Piemonte il 29 giugno ha inviato e pubblicato un comunicato stampa per richiedere di lasciare le palestre all’attività sportiva. L’Assessore allo Sport della Città di Torino, Roberto Finardi, proprio in quei giorni aveva scritto al Governo. Il 3 luglio al Senato, la Ministra Lucia Azzolina, ha dichiarato: le palestre scolastiche continueranno ad essere utilizzate per l’attività sportiva pomeridiana, resta “ferma e garantita la competenza degli Enti locali nella concessione delle palestre scolastiche alle società sportive che facciano richiesta di utilizzarle al di fuori dell’orario delle lezioni, come è sempre avvenuto”: le preoccupazioni in merito al possibile mancato utilizzo pomeridiano delle palestre sono destituite di fondamento.

A tal fine a Torino l‘Assessore allo Sport, si è confrontato e sta lavorando con un tavolo composto da rappresentanti del mondo sportivo e Miur, affinché si creino sinergie importanti utili per superare qualsiasi problema e ostacolo nell’uso delle palestre e nel dialogo con le scuole. Per questo lo ringraziamo.

Ringraziamo sia La Stampa che Oscar Serra per l’articolo, anche a nome delle 1200 associazioni sportive dilettantistiche affiliate UISP in Piemonte.

Ci permettiamo solo di correggere alcuni dati riportati nell’articolo, i tesserati ai soli Enti di Promozione in Piemonte, sono circa un milione; 1200 le associazioni affiliate UISP con 120000 soci praticanti. Possiamo affermare che almeno il 70 per cento di loro pratica sport nelle palestre.