Progetti

SCATTI DI SALUTE

Lo sport in mostra contro il doping

 

Durata: n. 15 mesi:  novembre 2019 – gennaio 2021

Territorio di intervento: Il progetto ha valenza nazionale e si svolge a Jesi, Pescara, Reggio Calabria, Novara, Oristano

Proponente / Coordinatore: Uisp nazionale

Partners: Comitati Territoriali Uisp Jesi, Pescara, Reggio Calabria, Novara, Oristano

 

Ente finanziatore: Ministero delle Salute, Sezione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive del Comitato Tecnico Sanitario, Programma di ricerca e di formazione/informazione 2019 sui farmaci, sulle sostanze e pratiche mediche utilizzabili a fini di doping e per la tutela della salute nelle attività sportive, annualità 2019

 

SINTESI:

Negli ultimi anni l’uso di sostanze farmacologiche a scopo di doping, sia in ambito agonistico che amatoriale, ha avuto un forte incremento: è soprattutto l’adolescente che può essere indotto all’uso di sostanze dopanti, sia per imitazione di atleti famosi, sia perché sottoposto a crescenti pressioni da parte di genitori, allenatori e, non in ultimo, coetanei, per il miglioramento a tutti i costi delle prestazioni atletiche e sportive.

La Uisp, in sinergia con le scuole del territorio,  ha quindi promosso, negli ultimi 20 anni, numerose campagne formative ed informative rivolte all'adolescenza con la creazione di laboratori sperimentali nelle scuole italiane dove gli studenti, supportati da insegnanti, operatori Uisp ed esperti, hanno realizzato in autonomia prodotti informativi innovativi, come video, fumetti, performances teatrali, murales, giochi da tavolo rivolti ai loro coetanei (peer- education) e mirati a contrastare il fenomeno del doping.

Scatti di Salute mette a frutto l’esperienza pregressa dell’Uisp in tema di doping e inquinamento farmacologico introducendo però delle innovazioni nella sperimentazione.

Pur riproponendo la formula dei laboratori sperimentali nelle scuole viene introdotta una innovazione di processo attraverso un nuovo strumento formativo/informativo, (la fotografia) ed un nuovo metodo di apprendimento (cooperative learning). I ragazzi, dopo aver partecipato in classe a laboratori tematici e di approfondimento del tema - copresenza di insegnanti, operatori Uisp ed esperti- , ed aver elaborato come trattare l'argomento attraverso diversi generi fotografici - reportage, still life, fotografia sportiva o di cronaca – potranno contare sull’aiuto di un fotografo professionista (uno per laboratorio) che li guiderà attraverso la condivisione dei fondamenti della fotografia e delle principali tecniche fotografiche. Obiettivo degli scatti è quello di raccontare gli sviluppi socio-cognitivi alla base dell’intenzione e dell’effettivo uso di sostanze dopanti ed i cambiamenti nel corpo: ciascuna immagine acquisisce un proprio significato ma può diventare un racconto (reportage) se accostata una all’altra, con i temi doping/sport/salute e stili di vita a fare da file rouge. Lo storytellig  narrativo-fotografico è frutto del lavoro di co-progettazione tra i ragazzi: tramite le metodologie della peer-education  e della cooperative learning gli studenti/apprendisti fotografi misurano le loro abilità ed il grado di acquisizione del pacchetto di conoscenze e di consapevolezza sui temi che il progetto intende trasmettere.

 

OBIETTIVI:

Aumentare, attraverso la realizzazione di una campagna formativo/informativa ideata dai giovani per i giovani (peer education), il bagaglio informativo e il grado di consapevolezza di ragazzi e ragazze delle scuole secondarie di 2° grado sul rischio dell’uso di farmaci, sostanze e pratiche mediche a fini di doping e sull’importanza della tutela della salute nelle attività sportive e per sani stili di vita quotidiani

 

AZIONI PROGETTUALI:    

  • Workshop formativo di due giorni con la partecipazione dei responsabili territoriali e degli educatori Uisp che poi formeranno i ragazzi.
  • Laboratori sperimentali nelle 5 città coinvolte, con incontri in orario scolastico e extrascolastico, per l’ideazione e la realizzazione della campagna fotografica.
  • Promozione della campagna e pubblicizzazione del progetto attraverso i canali di comunicazione e social network.
  • Organizzazione di un evento finale locale, al fine di sensibilizzare quanti più giovani possibile, con l’esposizone degli scatti migliori.
  • Allestimento stand Uisp presso un Festival di fotografia con la presentazione e illustrazione  da parte dei ragazzi delle 5 campagne fotografiche o degli scatti migliori realizzati con il progetto.
  • Realizzazione di un book fotografico che verrà distribuito a tutte le scuole e alle classi partecipanti

 

News:

 

 

CONTATTI

Ufficio progetti - Sede Uisp Nazionale
L.go Nino Franchellucci, 73 00155 Roma
Tel.: +39.06.43984350 - 345 - 346
Fax: 06.43984320
e-mail: progetti@uisp.it