Progetti

ActiveVoice: la voce attiva dello sport. Appuntamento a Roma

Mercoledì 7 novembre l’Uisp organizza a Roma l’evento di chiusura del progetto europeo che promuove il diritto umano al movimento

Il progetto Active Voice giunge al termine del suo lunghissimo percorso, con un evento finale che si svolgerà a Roma il 7 novembre presso l'Hotel Nazionale,  di fronte al Parlamento, con inizio alle ore 9.30. In questa occasione verranno presentate le buone pratiche di advocacy esercitate dalla Uisp a livello locale, nazionale e internazionale a favore del diritto umano al movimento e al gioco.  Ed anche il bilancio dei 20 incontri tenuti in tutta Italia nel corso dell'anno. L'evento sarà l'occasione per un confronto con i rappresentanti di istituzioni a vari livelli: locale, nazionale e internazionale. 

Con il progetto Active Voice l'Uisp ha sviluppato un percorso di iniziative per sostenere e rafforzare le capacità di advocacy a favore del diritto umano al movimento nella consapevolezza - come suggerito dalle Strategie dell'OMS per l'attività fisica - che solo l'azione congiunta, trasversale e intersettoriale permette di raggiungere efficacemente questo obiettivo.

L'incontro per il bilancio internazionale, promosso dall'Isca, con tutti i responsabili dei vari progetti che hanno messo in rete vari Paesi europei si terrà a Parigi il 23 novembre, con il titolo "Moving People-Moving Europe".

Con il progetto europeo ActiveVoice l'Uisp ha sviluppato un percorso di iniziative per sostenere e rafforzare le capacità di advocacy a favore del diritto umano al movimento, nella consapevolezza, come suggerito dalle Strategie dell’OMS per l’attività fisica, che solo l'azione congiunta, trasversale e intersettoriale permette di raggiungere efficacemente questo obiettivo. La Uisp da anni è coinvolta come promotore e o partner di diversi progetti che hanno come focus il tema dell’inclusione di rifugiati e richiedenti asilo attraverso lo sport, che hanno portato alla creazione di manuali metodologici, piattaforme online e materiali promozionali. In tutti i questi progetti è emerso con forza che per risolvere i problemi è fondamentale la creazione di reti con diversi stakelholders: associazioni sportive di base, enti locali, istituzioni sportive e governi devono dialogare fra loro per promuovere progetti integrati. Lo sport da solo può essere un pezzo importante del puzzle perché promuove socialità, educazione, ricostruzione di identità spezzate attraverso la pratica, offre anche possibilità di lavoro e di formazione, ma da solo non è in grado di promuovere politiche sociale per una reale inclusione e forme di accoglienza dignitose e rispettose di ogni persona.

Per tracciare un bilancio del lavoro svolto con il progetto ActiveVoice l’Uisp da appuntamento a Roma, mercoledì 7 novembre, presso l’Hotel Nazionale, in Piazza Monte Citorio 131, per una giornata di confronto e riflessione, con rappresentanti Uisp, del terzo settore  e delle istituzioni. I lavori si suddivideranno per sessioni e tavole rotonde; la parte del mattino (ore 9.30-13)  sarà dedicata al rilancio del "Piano d'azione Globale per la promozione dell'attività Fisica" elaborato dall'OMS e adottato in occasione della 71a Assemblea Mondiale della Salute nel maggio di quest'anno, di cui la UISP ha curato una versione in lingua italiana. Tra gli altri, interverranno Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp, on. Luca Rizzo Nervo, Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati ;  on. Elena Carnevale, Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati;  on. Michela Rostan, Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati; on. Roberto Pella, vicepresidente Anci.

Nella seconda parte della giornata, dalle 14 alle 17, è prevista la tavola rotonda "Politiche di inclusione e diritto allo sport per tutti",  sessione di approfondimento di una delle tematiche oggetto dell'azione di advocacy della Uisp, quella relativa al diritto di accesso alla pratica dello sport per rifugiati, richiedenti asilo e migranti. Un incontro al quale parteciperanno, tra gli altri: Luigi Maria Vignali, direttopre generale Cittadini Italiani all'estero e politiche migratorie del ministero degli Esteri; Mauro Valeri, Unar; Paola Fierro, Asgi, Associazione Studi Giuridici sull'immigrazione; Valentina Rinaldi, Unhcr; Daniela De Angelis, strategie e responsabilità sociale della FederRugby; Franco Pascucci, coordinatore del settore giovanile scolastico Figc Lazio; Fabio Appetiti, AIC-Associazione Italiana Calciatori. Questa sessione vuole essere l'occasione per una riflessione sui programmi europei che da sempre costituiscono uno strumento per creare reti solidali, sperimentare metodologie di lavoro innovative, scambiare buone pratiche e promuovere una cittadinanza attiva e inclusiva. (di Raffaella Chiodo Karpynsky, responsabile del progetto Active Voice Uisp per l'Italia)

PROGRAMMA della giornata

Roma, 7 novembre 2018 - Hotel Nazionale, Piazza Monte Citorio, 131
Ore 9.30 - 13.00
Tavola rotonda : "La voce attiva dello sport #GAPPA - Un Piano d’azione Globale per l’Attività fisica al servizio dei cittadini. UISP, sussidiarietà e istituzioni"
Vincenzo Manco, Presidente Nazionale UISP
Parlamentari e rappresentanti altre Istituzioni
On. Roberto Pella, Sindaco di Valdengo e Vice Presidente  dell’ANCI, Comitato delle Regioni
On. Luca Rizzo Nervo, Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati
On. Elena Carnevale, Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati
On. Michela Rostan, Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati
Rappresentanti del Forum del Terzo Settore
Presentazione delle buone pratiche realizzate dalla UISP in collaborazione con le AASSLL e le Regioni per il diritto al gioco e al movimento:
Maria Pina Casula, Sardegna
Accordo Quadro Regione Sardegna: politiche e buone pratiche per gli stili di vita nel setting comunità
Stefano Pucci, Lombardia
Modellizzazione del percorso di continuità di cura e assistenza della persona cronica: progetto di sperimentazione “Gorla” (Milano)
Francesca Brienza, Lazio
Promuovere la salute e il diritto al movimento per la grande età in collaborazione con l’Università Foro Italico di Roma
Giuseppe De Ruggieri, Basilicata
Protocollo di intesa tra Uisp Basilicata e Dipartimento sulle politiche alla persona della Regione Basilicata.
Manuela Claysset, Politiche di genere e diritti
L’esperienza di Enna: advocacy per i diritti delle donne nello sport
modera e introduce
Raffaella Chiodo Karpinsky, coordinatrice progetto ActiveVoice

 -----------------------------------------------         

Ore 14.00 - 17.00
Tavola Rotonda
Politiche di inclusione e diritto allo sport per tutti come una corretta Advocacy può favorire il dialogo fra diversi attori

Introduce
Carlo Balestri, responsabile Politiche Internazionali, Cooperazione e Interculturalità UISP
Buone pratiche di inclusione attraverso lo sport di richiedenti asilo, rifugiati e migranti.
Esperienze di associazioni e istituzioni a confronto  
Alberto Urbinati, Presidente Liberi Nantes Roma
Luigi Maria Vignali, Direttore Generale Cittadini Italiani all’estero e politiche Migratorie, Ministero degli Esteri e della Cooperazione
Giuseppe De Ruggieri, UISP Basilicata
Mauro Valeri, Sociologo UNAR
Beatrice Agostini, Psicologa UISP Trentino
Paola Fierro, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione
Massimo Aghilar, UISP Torino                                                            
Fabio Appetiti, Responsabile relazioni istituzionali Associazione Italiana Calciatori
Angelo Diario, Presidente della Commissione Sport del Consiglio Comunale di Roma
Valentina Ranaldi, UNHCR Protection Associate (Child Protection)
Daniela De Angelis, Referente Strategia e Responsabilità Sociale Federazione Italiana Rugby
Franco Pascucci, Coordinatore settore giovanile e Scolastico FIGC Lazio
moderano
Daniela Conti, UISP coordinatrice progetto IRTS, ECCAR
Raffaella Chiodo Karpinsky, coordinatrice Progetto ActiveVoice

CONTATTI

Ufficio progetti - Sede Uisp Nazionale
L.go Nino Franchellucci, 73 00155 Roma
Tel.: +39.06.43984350 - 345 - 346
Fax: 06.43984320
e-mail: progetti@uisp.it