Progetti

Integrazione dei rifugiati attraverso lo sport - IRTS

Ambito territoriale di intervento

Il progetto è internazionale, e si svolgerà, oltre che in Italia, nel Regno Unito, in Svezia, in Danimarca e in Germania

Periodo: 32 mesi (settembre 2016 – agosto 2018)

Ente proponente: ISCA  (International Sport and Culture Association), Danimarca

Partner: Uisp (Italia), StreetGames (Regno Unito), SISU (Svezia), Ollerup Academy (Danimarca), DTJ (Germania)

Finanziamento: Unione Europea, programma KA2  - E+ (Cooperazione per l’innovazione e lo scambio delle buone pratiche – partenariati strategici per l’educazione degli adulti)

Sintesi

Il progetto IRTS supporta l’educazione e l’apprendimento degli adulti allo scopo di prepararli per le sfide della società attuale in merito alla cittadinanza.

I partner di progetto rilevano come l’attuale afflusso di rifugiati e migranti (definito “crisi di rifugiati” nei media) è una delle più grandi sfide politiche e pratiche nelle nazioni europee. Partendo dall’esperienza nel settore sportivo di base questo progetto intende usare l’esperienza maturata dai partner per includere perone con differenti background culturali offrendo loro importanti e ben documentate occasioni di apprendimento e inserimento nelle società sportive e nelle attività sportive portate avanti in diversi paesi.

Queste organizzazioni e i club locali possono offrire anche occasioni di formazione non formale per coinvolgere i propri soci in una vita associativa globale. 

Obiettivi e risultati attesi

L'obiettivo generale del progetto è quello di rafforzare l'inclusione sociale dei rifugiati attraverso le opportunità di apprendimento informale e non formale che offrono le attività fisiche. 

Azioni e metodologia 

1. Costruire conoscenze di base per opportunità di apprendimento informale e non formale per l'inclusione sociale dei rifugiati attraverso attività fisiche e lo sport

  • Raccolta di 20 buone pratiche per l'inclusione efficace dei rifugiati nelle organizzazioni partner
  • Analizzare sui problemi, le barriere e relative soluzioni per una inclusione di successo
  • Sperimentazione di opportunità di apprendimento locali per i rifugiati e l'utilizzo di questa attività come test per lo sviluppo di una guida metodologica del progetto  

2. Costruire le capacità nelle organizzazioni partecipanti e sviluppare strumenti per fornire opportunità di apprendimento informale e non formale per il gruppo target

  • Scambio approfondito e riflessione tra partner ed esperti durante e tra le 6 riunioni transnazionali del progetto
  • Sviluppare un video che con semplicità spieghi ai rifugiati i principi civici e di partecipazione attiva nelle società in cui vivono e le offerte del mondo sportivo
  • Sviluppare materiali per una formazione e-learning che i partner potranno usare anche dopo il termine del progetto
  • Sviluppare un toolkit che comprenda buone pratiche e metodologie di lavoro

3. Creare una rete tematica di organizzazioni che lavorano nel campo dell’accoglienza attraverso lo sport

  • Sviluppare una piattaforma online in cui mettere a disposizione tutti i materiali sviluppati nel progetto
  • Identificare e inserire nella rete organizzazioni europee in vari paesi per arricchire i materiali, monitorare le buone pratiche e far crescere la rete

4. Disseminazione dei risultati

  • Disseminazione del toolkit, video, piattaforma online, guida e-learning
  • Organizzazione di eventi specifici nei paesi partner

 

CONTATTI

Ufficio progetti - Sede Uisp Nazionale
L.go Nino Franchellucci, 73 00155 Roma
Tel.: +39.06.43984350 - 345 - 346
Fax: 06.43984320
e-mail: progetti@uisp.it

AVVISO SELEZIONE PERSONALE