Progetti

SPIN REFUGEES

Inclusione sportiva dei rifugiati in Europa

 

Durata:  36 mesi: 01 Gennaio 020 - 31 Dicembre 2022

Territorio di intervento: Il progetto ha una portata Europea e si svolge nei 9 Paesi europei partner: Austria, Italia, Irlanda, Germania, Portogallo, Olanda, Finlandia, Ungheria, Danimarca

Capofila: Vienna Institute for International Dialogue and Cooperation (VIDC)

Partners:

  • UISP APS – Unione Italiana Sport Per Tutti (Italia)
  • FAI – Football Association of Ireland (Irlanda)
  • Camino (Germania)
  • SJPF – Portuguese Players Union (Portogallo)
  • Huis voor Beweging (Olanda)
  • Liikkukaa (Finlandia)
  • MGHRO - Sport for all, Mahatma Gandhi Human Rights Organisation (Ungheria)
  • ISCA – International Sport and Culture Association (Danimarca)
  • BSO – Austrian Sports Organisation (Austria)

 

Ente finanziatore:  EU, Sport as a tool for integration and social inclusion of refugees, Call 2019

 

SINTESI:

Per molti rifugiati e richiedenti asilo appena arrivati, un club sportivo è spesso l'unica opportunità per incontrare la gente del posto e per integrarsi nella società. Allo stesso tempo, i club sportivi di base mancano di esperienza su come avvicinarsi e includere questo gruppo target. Servono conoscenza, formazione e qualificazione. L'obiettivo generale del progetto "Sport Inclusion of Refugees across Europe" (SPIN Refugees) è quindi quello di migliorare l'inclusione sociale e la partecipazione di rifugiati e richiedenti asilo a livello sportivo locale attraverso la formazione, l'istruzione e lo sviluppo delle capacità degli attori sportivi locali.

Il progetto è realizzato attraverso partenariati transnazionali (SPIN Network) comprendenti 9 paesi dell'UE. Coinvolge rifugiati e richiedenti asilo, nonché club e organizzazioni sportive, esperti nazionali, formatori e tirocinanti, sostenendo ONG e iniziative, nonché associazioni sportive e altri attori chiave dello sport.

Il progetto identifica i principali ostacoli che impediscono l'accesso dei rifugiati allo sport e condivide l'esperienza di come le organizzazioni hanno affrontato queste sfide e facilitato l'accesso allo sport per i migranti appena arrivati, contribuendo così alla creazione di una base di prove utile per l'azione futura.

 

OBIETTIVI:

L'obiettivo generale del progetto SPIN Refugees è migliorare l'inclusione sociale e la partecipazione dei richiedenti asilo e dei rifugiati a livello sportivo locale attraverso la formazione, l'istruzione e lo sviluppo delle capacità degli attori sportivi locali.

Il progetto è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi specifici:

  1. Facilitare la partecipazione sportiva di base di rifugiati e richiedenti asilo attraverso partenariati locali e lo sviluppo di capacità di club sportivi volontari
  2. Formazione di allenatori e personale sportivo e sviluppo di strumenti educativi di alta qualità per le parti interessate dello sport come promuovere praticamente l'apertura interculturale e l'inclusione nelle organizzazioni sportive
  3. Generare conoscenze basate sull'evidenza sugli approcci e sui metodi delle migliori pratiche su come integrare i rifugiati nello sport di base europeo
  4. Sviluppare le capacità e potenziare le iniziative sui rifugiati per sfruttare il ruolo dei rifugiati, in particolare delle donne, come volontari (allenatori, dirigenti, arbitri) nei club sportivi

 

AZIONI PROGETTUALI:

1. Identificare le buone pratiche nell'UE attraverso:

  • Studio di mappatura: programmi e progetti europei per l'inclusione dei rifugiati

Per identificare progetti, programmi e metodologie sportive che funzionano o non funzionano, il progetto prevede di condurre uno studio di mappatura che crea una base empirica per le attività pratiche del progetto.

  • Casi studio di esempi di buone pratiche

Si prevede di identificare esempi di buone pratiche in tutta l'UE; tra i 3 e i 5 esempi vengono selezionati per un'analisi più approfondita. La selezione si basa sui criteri di qualità per i progetti sportivi inclusivi, sviluppati nell'ambito del progetto Sport Welcomes Refugees.

2. Formazione sull'inclusione sportiva per allenatori e staff

  • Sviluppo di un Programma di Formazione Europeo (ETP)

Il progetto prevede di sviluppare un programma di formazione europeo di alta qualità per allenatori e personale di società e organizzazioni sportive. I componenti chiave consistono in un ambiente di apprendimento elettronico (ELE) e un seminario Train the Trainer (TTT). L'ELE è uno strumento online per allenatori e personale sportivo su come aumentare praticamente la partecipazione sportiva locale dei rifugiati, in particolare donne e ragazze. Per massimizzare l'impatto dell'ELE, è prevista l'organizzazione di un workshop europeo TTT, in cui i formatori qualificati di 8 paesi dell'UE vengono istruiti su come implementare lo strumento nei loro paesi

  • Sessioni di formazione nazionali (NTS : National Training Sessions)

I formatori  vengono formati affinchè possano applicare i metodi nel loro specifico contesto nazionale. In 8 paesi sono previsti due NTS pilota.

3. Coinvolgimento e sviluppo delle capacità dei rifugiati

  • Coinvolgere i rifugiati nel coaching e nel volontariato

I rifugiati sono assenti come allenatori e volontari nei club sportivi organizzati, ad es. per mancanza di risorse finanziarie per ottenere la qualifica. Il progetto prevede quindi di istituire un programma in cui i rifugiati possano richiedere un sostegno finanziario per i corsi per diventare allenatori o volontari.

  • Ambasciatori dell'inclusione – Rifugiati come modelli di ruolo

Si prevede di contattare un gruppo di rifugiati che hanno avuto successo nel loro sport o sono diventati allenatori/manager per sensibilizzare sul prezioso contributo dei rifugiati e dei richiedenti asilo allo sport. Si prevede che circa 10 ambasciatori regisrino video sulle loro testimonianze.

4. Promozione della partecipazione attiva dei rifugiati nello sport

  • Collegamento dei club sportivi locali con i rifugiati

Questa attività è pensata per aiutare i club, i rifugiati e coloro che supportano i rifugiati a stabilire partnership semplici ma efficaci. In alcuni Stati membri selezionati si prevede di lanciare un appello per trovare società sportive invitate a organizzare insieme eventi locali. Vengono supportati 8 paesi con una media di 2 società sportive ciascuno.

  • Laboratorio SPIN per i rifugiati

Il workshop si basa sul seminario UEFA Football and Refugees 2018 riunendo le principali parti interessate per condividere pratiche su come hanno usato il calcio per colmare il divario tra i rifugiati e le strutture e le comunità sportive ospitanti.

5. Coordinamento, monitoraggio e comunicazione

Per il successo del progetto la comunicazione esterna ed interna è fondamentale e sono previste una serie di specifiche attività di disseminazione.

 

RUOLO DI UISP:  

  • Fornire un input continuo e strutturato per lo Sport Inclusion Training per allenatori e staff (azione implementata dal partner Huis voor Beweging). Periodo: 20/08 – 21/03
  • Sessioni di allenamento nazionali: attuazione pratica dei corsi di formazione a livello nazionale con i seguenti compiti: fornire input per sviluppare l'ETP, partecipare a un workshop TTT, tradurre le parti chiave del curriculum, implementando almeno due corsi di formazione nei loro paesi, reporting + feedback. Periodo: 04-11/21
  • Coinvolgimento e sviluppo delle capacità dei rifugiati coinvolgendo  i rifugiati nel coaching e nel volontariato: Periodo: 20/04 – 21/06
  •  Facilitare le call online in Italia, diffusione informazioni sulle azioni e i candidati prescelti
  • Ambasciatori dell'inclusione – Rifugiati come modelli di ruolo: fornire input per  identificare e contattare gli ambasciatori (azione implementata da VIDC). Periodo: 01-06/21
  • Promuovere la partecipazione sportiva attiva dei rifugiati attraverso il collegamento dei club sportivi locali con i rifugiati. Periodo: 02-11/22
  • Lancio del bando in Italia, selezione club, serate di orientamento, implementazione Sport Refugee durante l'EWoS 2022, reporting e chiusura.
  • Per quanto riguarda il coordinamento, il monitoraggio e la comunicazione, il ruolo di UISP è quello di contribuire alla comunicazione esterna ed interna, attuata da VIDC. Periodo: 20/01/ – 22/12

 

Sito web di progetto: https://www.fairplay.or.at/en/projects/spin-refugees/

 

 

 NOTIZIE DA UISP NAZIONALE
CONTATTI

Ufficio progetti - Sede Uisp Nazionale
L.go Nino Franchellucci, 73 00155 Roma
Tel.: +39.06.43984350 - 345 - 346
Fax: 06.43984320
e-mail: progetti@uisp.it